Gustave Doré ⋯ Sermone sul monte
Poi disse [Stazio] : «Più pensava Maria onde
fosser le nozze
[di Cana] orrevoli e intere,
ch’a la sua bocca, ch’or per voi risponde.
»

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • XXII, 142-144 •
 • Pinterest • Gustave Doré Sermone sul monte • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
88% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
Egon Schiele ⋯ Palingenesi
39% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Stavo conversando con Archibald MacLeish nel bar «Los Marinos» di Barceloneta quando la vidi apparire, una statua di gesso che si muoveva faticosamente sopra il selciato. Anche il mio interlocutore la vide, e mandò un inserviente a invitarla. Per alcuni m⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with FruitLasciatemi esser felice
36% Pablo NerudaPoesieSchiele Art
Questa volta lasciatemi esser felice non è successo nulla a nessuno non sono in alcuna parte accade solamente che sono felice in tutte le parti del cuore camminando dormendo o scrivendo che ci posso fare, sono felice Son più innumerevole dell’erba nelle p⋯
Gustave Doré ⋯ State contenti, umana gente, al quia
24% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
State contenti, umana gente, al quia; ché, se potuto aveste veder tutto, mestier non era parturir Maria.
 ⋯ I tulipani
24% PoesieSylvia Plath
Il mio corpo è un ciottolo per loro, lo accudiscono come l’acqua accudisce i ciottoli su cui deve scorrere, lisciandoli piano. Mi portano il torpore nei loro aghi lucenti, mi portano il sonno. Ora che ho perso me stessa , sono stanca di bagagli — la mia v⋯
 ⋯ I poveri si erano venduti
24% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯