Portare onore

Interpretazione di uno dei comandamenti biblici, davvero toccante e sublime, questa di Recalcati, che allevia il tono imperativo di onora, con il portare onore, e con tanto di spiegazione a seguito, cosa questa fondamentale, ma assolutamente non contemplata, qualora sia un comandamento, cioè, un ordine impartito. Inoltrandomi nelle dinamiche, e tornando alle radici, vado a questionare con la Bibbia, perché è proprio qui che l’uomo è la sua parola, dissociandosi dalla stessa, e mi chiedo: un figlio che non è stato onorato può onorare i suoi genitori? Chi glielo insegna se nessuno glielo mostra? Il passaggio è delegato alle parole naturalmente, in un certo senso poi, meglio sarebbe dire, culturalmente ma, se la parola non è la cosa, come può questa sedimentare in un animo e non restare invece parola vacante, e ancora e sempre dunque disincarnata? Onora tuo padre e tua madre voce che scende dalle stelle come comandamento, e che come tale, non poteva attecchire in sostanza sulla terra, ma solo come forma, che serve a tutelare chi ne fa uso, perché si sa, far scaturire uno stato d’animo è più complicato e, laddove qualcosa si impone, e dunque c’è sopraffazione, si sta onorando? Direi che il Padre è partito col piede sbagliato e forse non lo sa, per questo ci vogliono i comandamenti, ci vuole la Legge, e il senso di colpa come collante. Non si tratta di essere contro il padre né contro la legge, un sistema di cose ne vale un altro, ma se non si è consapevoli delle dinamiche che ci muovono, si continua a mandare avanti una parola che sa di mancanza, poiché manca dell’essere che dovrebbe farsi parola, e non parola eterea di un qualche signore, ma la propria di parola, e che il Verbo finalmente… si faccia Carne!

Crediti
 • Autori Vari •
 • Pinterest • Damien Blettiére  •  •

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
941% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ L’onore
470% Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ L’esperienza e la verità
460% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯


 ⋯ Sapere di non essere
380% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ Il Codice di Hammurabi
362% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯


Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
334% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯