Egon Schiele ⋯

Non è che ci metta in bocca parole false, ci costringe a parlare. Di nuovo: “Esprimiti, compagno”. Ma “esprimiti, compagno” è la formula del potere… Il potere dice: “Sta zitto, compagno” quando qualcuno ha qualcosa da dire, cioè quando qualcuno resiste. Allora sì, dice: “Sta zitto, compagno”. Altrimenti il potere mi fa parlare nella misura in cui non ho niente da dire. Il potere aspetta che io non abbia niente da dire… È molto permissivo perché è assai astuto. So che mi inviteranno sempre in televisione quando non ho niente da dire.

Crediti
 • Gilles Deleuze •
 • Il sapere •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
663% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
485% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il Codice di Hammurabi
321% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Il potere e l’onore
302% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
Il mercantile
290% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯