Preghiamo con la penna
Noi scriviamo non perché ciò che scriviamo abbia il minimo valore, ma per un atto di fede manifestato come una preghiera. Noi preghiamo con la penna, per confortare con la costanza originaria la fede vacillante e obbligata a traversare le sue giornate tra l’ironia, talvolta mascherata di malvagità, delle cose inanimate e di quelle viventi; noi preghiamo per chiudere in noi stessi e in ogni istante il circolo e il cielo eterno del destino; per chiudere in noi stessi il circolo magico in cui la fede e l’invitta presenza strettamente limitate e circoscritte divengono vaste come l’universo che le ignora; e tutto ritrovano nella propria inviolata solitudine.

Crediti
 • Andrea Emo •
 • Pinterest • Maurits C. Escher  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
338% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
123% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Robert Doisnau ⋯ La chiacchiera come resistenza
99% ArticoliFilosofiaFrancesco Lamendola
Molte persone passano gran parte della loro vita sociale a parlare di cose insignificanti o, peggio, a sentenziare intorno a cose estremamente serie, ma senza alcuna serietà: così, solo per sentire il suono della propria voce e per essere confortate dal c⋯
Giorgio de Chirico ⋯ Elogio della dotta ignoranza
82% FilosofiaNicola Cusano
Tutti coloro che ricercano, giudicano le cose incerte comparandole e proporzionandole con un presupposto che sia certo. Ogni ricerca ha carattere comparativo e impiega il mezzo della proporzione. E quando gli oggetti della ricerca possono venire paragonat⋯
Giovanni GasparroCircolo dell’interpretazione
56% FilosofiaMartin Heidegger
Ogni interpretazione si muove nella struttura del pre-. L’interpretazione, promotrice della comprensione, deve aver già compreso l’interpretando e l’interpretante. Anche se il procedimento dimostrativo scientifico richiede la rigorosa giustificazione dei ⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
51% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯