Preoccupazione per la sventura
Ciò che rende infelice la prima metà della vita, che presenta tanti vantaggi sulla seconda, è l’andare alla caccia della felicità in base al fermo presupposto che essa debba potersi incontrare nella vita: ne scaturiscono speranze continuamente frustrate e insoddisfazione. Ci aleggiano dinanzi le immagini ingannevoli di una felicità sognata, indeterminata, tra figure scelte a capriccio, di cui cerchiamo inutilmente l’archetipo. Nella seconda metà della vita al posto dell’aspirazione alla felicità sempre insoddisfatta subentra la preoccupazione per la sventura, ma trovarvi rimedio è oggettivamente possibile: infatti a questo punto siamo finalmente guariti dal presupposto or ora ricordato e cerchiamo solo la quiete e la maggiore assenza di dolori possibile. Ne può derivare uno stato notevolmente più felice del primo, giacché esso desidera qualcosa di raggiungibile e prevale sulle privazioni che caratterizzano la seconda metà della vita.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • Scritti postumi •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
627% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
343% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
304% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
294% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ Il mercantile
254% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
235% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯