Three male nudes
Come ho spesso mostrato, è in sé, e non nell’apparenza, che tormentatore e tormentato sono identici, per quanto diversamente mostri la Māyā, e in questo sta l’eterna giustizia. Ma l’intelligenza non dirozzata, che prende l’apparenza per cosa in sé, vuol vedere nel tempo e nell’individuum ciò che spetta solo alla cosa in sé.
Se un uomo per aumentare in modo considerevole il proprio benessere diminuisce in modo considerevole quello di un altro, lo pone quindi nello stato di sofferenza, il piacere del primo è disturbato, anche se soltanto per un istante, da una pena di tipo particolare, che chiamiamo rimorso di coscienza.
È la confusa, oscura coscienza di ciò che segue: innanzitutto, che solo per la rappresentazione, non in sé, solo mediante la forma della rappresentazione, ossia del principium individuationis, che è la Māyā, egli, che è causa della sofferenza altrui, è diverso dal sofferente; in sé invece, in ciò che il mondo è oltreché rappresentazione, sono entrambi l’unica volontà di vivere, e in tal modo il sofferente e colui che infligge la sofferenza sono una sola cosa. Che quindi tramite l’accecamento della Māyā la volontà di vivere entra in contrasto con se stessa, perché proprio cercando in una delle sue apparenze un benessere accresciuto genera nell’altra una grande sofferenza, ma una sofferenza che lei stessa deve sopportare, con cui sconta l’infrazione all’eterna giustizia, che ha appunto qui la sua fonte.
La giustizia temporale infatti prende le mosse soltanto dal principium individuationis e quindi dall’egoismo; l’individuo, dotato di ragione, si preoccupa di se stesso quando fa il patto che nessuno danneggi l’altro: questa giustizia temporale è la fonte del diritto di natura.
La giustizia eterna invece è un penetrare con lo sguardo il principium individuationis, con cui si riconosce che il tormentatore e il tormentato non sono diversi in sé, e la forte volontà di vivere deve scontare la contraddizione in cui entra con se stessa e paga la voluttà con il tormento.

 
Crediti
 • Arthur Schopenhauer
 • SchieleArt •  Three male nudes • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
818%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
497%  •  ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
446%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


Egon Schiele ⋯ Circa la nostra condotta verso gli altri
346%  •  Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
21.° Per mettersi fra la gente è utile portar seco una buona provvista di circospezione e d’indulgenza; la prima ci garantirà dai danni e dalle perdite, l’altra dalle contese e dagli alterchi. Chi è chiamato a vivere fra gli uomini non deve respingere in ⋯


 ⋯ L’onore
326%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Marina PodgaevskayaSulla differenza delle età della vita
305%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
Voltaire ha detto mirabilmente bene: Qui n’a pas l’esprit de son âge De son âge a tout le malheur. Converrà dunque che, per chiudere queste considerazioni eudemonologiche, gettiamo uno sguardo sulle modificazioni che l’età porta in noi. In tutto il corso ⋯