⋯  ⋯
Quel che innanzi tutto si presenta all’attenzione di chi guarda l’immagine femminile che Dante ha tratteggiato, è il ritratto di una donna dallo spessore psicologico intenso e complesso. Francesca è in un certo senso l’anti-Beatrice, una tipologia femminile del tutto differente dal ritratto della “dama” cortese che verrà poi ulteriormente trasfigurato da Dante e dagli stilnovisti. Analizzando infatti la psicologia della donna cantata dai poeti cortesi – dai trovatori sino ai nostri poeti stilnovisti – ciò che appare nella sua evidenza anche sconcertante è che in realtà per essere amata la donna deve subire un processo di idealizzazione e trasfigurazione, per il quale tutto ciò che di lei è espressione di desiderio e sensualità subisce una rimozione. Nell’amore cortese, per essere amata essa deve scomparire come donna per riapparire come Dama, come Donna assoluta, chiusa nella sua bellezza lontana e inaccessibile che la rende simile a una divinità, pura, perfetta come una creatura angelica. La raffigurazione dell’ideale cortese è una “dama fittizia“, un oggetto irraggiungibile che permette all’amato la realizzazione del suo desiderio solo attraverso la sublimazione estetica. Il ritratto di Francesca da Rimini si discosta da questa tipologia: siamo di fronte ad un’aristocratica ma non a un essere irraggiungibile; è una donna gentile e costumata, di cultura raffinata e di animo nobile, ma Amore la umanizza, la rende fragile dinanzi al prorompere del desiderio. Di fronte alla bellezza inaccessibile di Beatrice, Francesca appare in tutta la sua statura di donna nata dall’amore e gravata di tutto il peso che una relazione proibita comporta. Di contro al potere di “dare la morte” della dama cortese, assente e inviolata, c’è una donna data alla morte, perché abbandonatasi al richiamo della seduzione. L’amore di Paolo e Francesca è un amore totale, cioè non solo elettivo – singolare, esclusivo, reciproco – ma disposto alla totalità della perdizione pur di affermarsi. Un amore assunto fino alle sue estreme conseguenze, che però non ha nulla dell’abiezione masochista o del divertissement del libertino, la cui sfida alla norma non è che una finzione che conferma la regola. Niente isterismi alla maniera flaubertiana, nessuna sfrontatezza romantica, nessuna esaltazione adolescenziale. Le parole di Francesca, il suo tono altero e pensoso, e il pianto silenzioso e prolungato di Paolo che accompagna la narrazione della donna, testimoniano di un amore maturo, gravato dal peso della segretezza e nobilitato dalla prova estrema della morte. L’amato è additato da Francesca come colui “che mai da me non fia diviso“, e la forza con cui sottolinea l’indissolubilità del patto d’amore è la prova di una conquista – quella della durata, che non è certo una prerogativa degli amanti passionali – derivatale dall’assunzione piena delle conseguenze cui l’amore totale conduce. Il coraggio di Francesca è tutto in questa capacità di contenere la tensione suprema che un amore di tale natura genera.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il femminismo non è femmina
44% Fabrice HadjadjPercorsi
Oggi la sessualità è sempre concepita in modo fallico. La dimensione femminile della sessualità tende a scomparire. Anche il femminismo, in gran parte, si è dispiegato come rivendicazione di valori maschili da parte delle donne. Non si è ancora visto un f⋯
  ⋯ Roma Town Site
34% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
Aela LabbéPater Noster
33% Anna Maria TocchettoPercorsi
Dalla tua poltrona dominavi il mondo. Solo il tuo punto di vista era giusto. Tu eri per me misura delle cose. Ai miei occhi assumevi l’aspetto enigmatico dei tiranni, la cui Legge si fonda sulla loro persona, non sul pensiero. • Frank Kafka • L’Edipo non ⋯
⋯ Antonio Canova ⋯La fissazione del rischio è per sempre?
28% Alain BadiouPercorsi
Tutti sanno che decidere la fine di un amore è sempre un disastro, quali che siano le ottime ragioni che si mettono avanti. Sappiamo dunque intimamente che se l’amore è sempre l'”Io ti amo”, allo stesso modo è “Io ti amo per sempre”. Non abbiamo paura del⋯
 ⋯ Il Tempo Degli Assassini
26% Gennaro De FalcoPercorsi
Ecco il tempo degli Assassini” è il rintocco che chiude “Mattinata d’ebbrezza” nelle “Illuminazioni” di Rimbaud. Ed è la frase che intitola, con un apolivalenza di significati, della quale Rimbaud è solo in parte responsabile, questo saggio scritto da Mil⋯
⋯  ⋯Atto Puro
21% Henry MillerPercorsi
Scrivere meditai, deve essere un atto privo di volontà. La parola, come una corrente profonda dell’oceano, deve emergere alla superficie per un proprio impulso. Non molti mesi fa avevo terminato il mio primo libro nello studio di Ulric …il libro sui dodic⋯