Progetto di liberazione interiore
Quello del godimento nell’umiliazione è un topos peculiare della letteratura di Dostoevskij.
Il muro è tutto ciò che impedisce di vivere, di fronte ad esso il protagonista si umilia, e ci confessa di vivere questa umiliazione come un sottile piacere.
Ora, non ha molto senso suddividere i piaceri in legittimi e illegittimi, naturali e innaturali; ma dal punto di vista della crescita psicologica è anche troppo chiaro che chi riesce a trarre godimento dalla passività totale, dalla rinuncia ad agire e reagire, non avrà motivazioni e stimoli per cambiare, non sarà spinto a niente, nemmeno a cercare il proprio piacere, perché esso è già lì, nell’inerzia assoluta.
In analisi accade di frequente di incontrare pazienti distrutti da un sentimento di profondo disprezzo di se stessi, convinti di essere condannati a passare di fallimento in fallimento per una oscura colpa. Lo sforzo richiesto all’analista è in questi casi enorme, in quanto si tratta di operare proprio su quei presunti elementi ‘negativi’. Si tratta di aiutare il paziente a capire che è proprio il considerare pregiudizialmente negativi quei dati del carattere, la radice dei suoi fallimenti.
È così che ci si condanna a sbagliare.
L’attribuire alla propria natura una specie di vizio d’origine rappresenta non solo un comodo alibi, ma la scelta più facile per il futuro. Più facile, ma certo meno costruttiva di quella di operare proprio su quel dato ineliminabile del carattere per usarlo in funzione di un progetto di rivoluzione e di liberazione interiore.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • I Sotterranei dell'anima •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
114% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
71% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ Psicoletteratura
65% ArticoliMaria Cecilia BertolaniPsicologia
Curioso come si ricordino meglio le parole dette che i sentimenti che non arrivarono a scuotere l’aria. • Italo Svevo • • La coscienza di Zeno • Il saggio dei due Ogden, un autore psicoanalista e l’altro critico letterario, ripropone e indaga con attenzio⋯
  ⋯ Nevrosi narcisistica
54% PsicologiaUmberto Galimberti
Dalla nevrosi narcisistica dovuta, come ci insegna Freud, a un arresto dello sviluppo psichico, alla sempre più diffusa cultura del narcisismo. Quando nasciamo, letteralmente veniamo al mondo, che incominciamo a vedere quando apriamo gli occhi, senza capi⋯
 ⋯ La porta della coscienza
46% ArticoliHenri BergsonPsicologia
Nell’uomo, la coscienza è soprattutto intelligenza: avrebbe dovuto, avrebbe potuto essere anche intuizione. Intuizione e intelligenza rappresentano due direzioni opposte dell’attività cosciente: la prima, procede nel senso stesso della vita; la seconda, in⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
35% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯