Progresso economico ed etico

Non c’è esagerazione nei commenti in proposito della delegazione finanziaria tedesca a Versailles: La democrazia tedesca viene annientata nel momento stesso in cui il popolo tedesco si accingeva a costruirla dopo una dura lotta; annientata da coloro medesimi che durante tutta la guerra non si sono stancati di affermare che intendevano portarci la democrazia… La Germania non è più un popolo e uno Stato, ma diventa una pura impresa commerciale messa dai creditori nelle mani di un curatore giudiziale, senza concederle nemmeno la possibilità di dimostrare che è disposta a far fronte spontaneamente ai propri obblighi. La commissione, che avrà sede permanente fuori della Germania, possiederà in Germania diritti incomparabilmente maggiori di quelli mai posseduti dal Kaiser; sotto il suo regime il popolo tedesco rimarrebbe per decenni avvenire spogliato di ogni diritto, e privato, assai più dei popoli nell’età dell’assolutismo, di ogni indipendenza d’azione, di ogni aspirazione individuale di progresso economico e finanche etico.