Prova di incredulità

Lo spagnolo alle spalle, la sua creatura davanti: istintivamente il capitano si precipitò fuori, alla luce. Si ritrovò all’aperto senza danno, al di là di Atufal, coi pugni stretti e le mascelle serrate. Quando poté scorgere la sua linda nave tranquillamente all’ancora, e quasi a distanza di voce; quando poté scorgere la sua cara scialuppa piena di visi familiari che saliva e scendeva seguendo il moto delle brevi onde al fianco del San Dominick, e quindi, volto lo sguardo al ponte che aveva abbandonato, scorse gli stoppai sempre concentrati con aria grave su quel lavoro di pazienza con le dita; quando udì lo sfregare industrioso e i suoni sordi dei pulitori della accette, sempre impegnati nel loro incessante lavoro; e soprattutto, quando vide la natura assumere il suo aspetto tranquillo e riposante al calare delle ombre della sera, col sole ormai tramontato che mandava una luce tenue come quella della tenda di Abramo; quando percepì tutto questo con occhi e orecchie ammaliati e scorse la figura incatenata del negro, si allentò la stretta che serrava mascella e mani. E ancora una volta sorrise dei fantasmi che l’avevano beffato, e avvertì qualcosa come un sapore di rimorso, perché i dubbi, che aveva nutrito anche solo per un istante, gli sembravano quasi una prova di incredulità nei confronti dell’eternamente vigile Provvidenza celeste. Ci fu un’attesa di qualche minuto mentre, secondo i suoi ordini, la scialuppa veniva agganciata alla passerella. In questo intervallo, il capitano Delano, si sentì invadere da una malinconica soddisfazione, al pensiero di quello che aveva fatto per assistere uno straniero. Ah, pensò, dopo aver commesso una buona azione la coscienza è sempre tranquilla nonostante l’ingratitudine di coloro che abbiamo beneficato.

Crediti
 • Herman Melville •
 • Benito Cereno •
 • Pinterest • Giorgio de Chirico  •  •

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
857% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ Sapere di non essere
624% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
500% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
481% Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
432% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


 ⋯ Il mercantile
430% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯