Pudore che non si lascia afferrareBisogna superare le totalità, le salvezze, i fini-della-storia e le verità-ultime, tutti gli «incantesimi» così come tutte le «soluzioni finali». Bisogna imparare che questi incantesimi sono dietro di noi, perché non sono più nostri, non incantano più nulla. Bisogna anche pensare che nel cuore di ogni affermazione dei mondi antichi ci fu sempre anche, in ultima istanza, un sapere del nulla. Sempre, in qualche modo, e in ogni aspetto del reale, un sapere di non-sapere o un sapere del nulla era intimamente presente nelle credenze, e forse come loro ultima e sovrana verità. Il nichilismo non ha solo spopolato il cielo e desertificato la terra: ha anche esposto questa verità più antica di sé. L’ha messa a nudo. Per il presente del nostro tempo, e per il suo avvenire prossimo, bisogna stare in questa nudità. Non bisogna rivestirla: bisogna guardarla, come ogni nudità, con il pudore che esige ciò che non si lascia afferrare.

Questo pensiero è difficile. È «terribile» nella misura in cui non colma il baratro né l’angoscia del nulla. Non si confonde con un carpe diem. Non affronta neppure il niente con aria di sfida o di arroganza, né col piacere amaro di votarsi al peggio. Pensa un sapere che, in conclusione, sa di non essere altro che non-sapere. Ma, giungendo in questo modo fino alla propria estremità di pensiero e sperimentando la difficoltà del suo gesto, sa anche che tocca la verità. L’affermazione di questa verità si sottrae non appena la si tocca, e in questo è vera.

Crediti
 • Jean-Luc Nancy •
 • Nichts jenseits des Nihilismus •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
115% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯

wall-art jazz-trioImprovvisazione sull’improvvisazione
90% ArticoliJean-Luc Nancy
Che rapporto sussiste tra la struttura dell’improvvisazione e la struttura della riflessione filosofica? Si può improvvisare quando si fa filosofia? Il testo di Jean-Luc Nancy, inedito, è una sua improvised lecture on improvisation tenuta nel 2014 presso ⋯

Surreality on BahanceVerità e realtà
77% Autori VariFrammenti
Verità e realtà, vi è tra loro qualche connessione o sono piuttosto indipendenti? Sono eternamente separate, o sono solamente proiezioni del pensiero? E se non ci fosse l’intervento del pensiero, esisterebbe la realtà? Realtà viene da res, cosa, e tutto q⋯

 ⋯ Un niente che non implichi alcun significato
56% Jean-Luc NancyLinguaggio
La verità viene dalla lingua già persa o ancora a venire. Viene dalla voce che si cerca dietro la voce. Una lingua inaudita, un giro linguistico irripetibile, un’incisione praticata nella lingua dalla lama di un fuori, fatto al tempo stesso di non-lingua ⋯

 ⋯ Eloquenti righe: Derrida e l’arte
55% ArticoliJean-Luc Nancy
Certo che Derrida ha parlato dell’arte, delle arti – come avrebbe potuto non farlo, come non avrebbe dovuto farlo, dato che una questione e assai più di una questione, un’istanza esigente reclama, sotto il nome di «arte», un considerevole tributo all’intr⋯

 ⋯ Le aporie di K
46% Alessandro BellanFrammenti
Come la storia semplice diventa confusa e Josef K. si arrende all’impossibilità di venirne a capo, allo stesso modo la verità si dissolve nella sua interpretazione, anzi diventa l’interpretazione stessa: ma questo distrugge la possibilità stessa dell’inte⋯