Punto di equilibrio
Un’opera d’arte è la coincidenza del dentro e fuori dell’artista, il punto di equilibrio, è ciò che non lascia residui, possibilità d’interpretazione. La vedi, e sai che è un’opera d’arte, perché hai perso la parola; tu non ci sei più, come l’artista del resto, si è fatto da parte, affinché questa sia. Unico punto d’incontro, umano e artistico, che sia in un dipinto, in una scultura, in un romanzo o in un rapporto di amicizia o amore.

Crediti
 • Anna Maria Tocchetto •
 • Pinterest • Bill Gekas  •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
180% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Il Deserto
63% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
Don Quijote de La Mancha: ¿realidad o ficción?Don Chisciotte – Tra realtà e fantasia
57% Anna Maria TocchettoArticoliSergio Parilli
Un’opera quando è tale, non può essere di sola fantasia, sempre è striata di quel reale che passa negli interstizi di una realtà che occlude ogni accesso e tende comunque a separare ogni cosa. Eppure basta un attimo, un indizio, una sola fuoriuscita a sor⋯
Apollo e Dafne di Gian Lorenzo BerniniApollo e Dafne
51% Elisa SavianiPercorsi
Si tratta di una delle sculture giovanili del Bernini, eseguite per il cardinale Scipione Borghese. L’artista ha qui tentato di rendere il movimento in scultura, operazione assai difficile considerata la natura stessa del mezzo utilizzato. Tuttavia egli h⋯
 ⋯ Le lacrime di Nietzsche
50% Anna Maria TocchettoRecensioni
Le lacrime di Nietzsche opera dell’autore, Irvin Yalom – psichiatra e scrittore – che inscena il fantomatico incontro tra Friedrich Nietzsche e Joseph Breuer; l’inizio di quello che sarà un rapporto, che da professionale diventa intimo, sul filo di un dia⋯
⋯ Camille Claudel ⋯Lasciamo stare le ombre
40% Alessandro ZignaniPercorsi
Ma io sono solo, e non c’è più tempo, ormai, per me. Che dovrei fare: imparare a vivere, quando la natura non mi lascia, più che pochi anni? Imparare a guardare il sole dritto in faccia, quando per decenni ho fissato il muro, convinto che in quello scalci⋯