⋯
Pur Virgilio si trasse a lei, pregando
che ne mostrasse la miglior salita;
e quella non rispuose al suo dimando,
ama di nostro paese e de la vita
ci ‘nchiese; e ‘l dolce duca incominciava
“Mantüa…”, e l’ombra, tutta in sé romita,
surse ver’ lui del loco ove pria stava,
dicendo: “O Mantoano, io son Sordello
de la tua terra!”; e l’un l’altro abbracciava.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sulla vita •
  • VI, 67-75 •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Fer la città sovra quell’ossa morte
52% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Fer la città sovra quell’ossa morte; e per colei che ‘l loco prima elesse, Mantüa l’appellar sanz’altra sorte.
Gustave Doré ⋯ La sepoltura di SarahQuel sol che mi scaldò ‘l petto
29% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quel sol che pria d’amor mi scaldò ‘l petto, di bella verità m’avea scoverto, provando e riprovando, il dolce aspetto.
Gustave Doré ⋯ Conversione di SaulGuardando nel suo Figlio con l’Amore
24% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Guardando nel suo Figlio con l’Amore che l’uno e l’altro etternalmente spira, lo primo e ineffabile Valore quanto per mente e per loco si gira con tant’ ordine fé, ch’esser non puote sanza gustar di lui chi ciò rimira.
Gustave Doré ⋯ Il massacro degli innocentiMirare il sole e le stelle
24% Dante AlighieriDoré Gallery
Che se in Fiorenza per via onorata non s’entra, io non entrerovvi giammai. E che? non potrò io da qualunque angolo della terra mirare il sole e le stelle? non potrò io sotto ogni plaga del cielo meditare le dolcissime verità, se pria non mi renda uom senz⋯
Gustave Doré ⋯ La tua città, che di colui è pianta
21% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
La tua città, che di colui è pianta che pria volse le spalle al suo fattore e di cui è la ‘nvidia tanto pianta, produce e spande il maladetto fiore c’ha disvïate le pecore e li agni, però che fatto ha lupo del pastore. Per questo l’Evangelio e i dottor ma⋯
Gustave Doré ⋯ Tu vuo’ ch’io rinovelli
21% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Tu vuo’ ch’io rinovelli disperato dolor che ‘l cor mi preme già pur pensando, pria ch’io ne favelli.