Qual è il segno del padre?

Il segno del padre è quello della ferita. Il padre insegna, testimonia, che la vita non è solo appagamento, conferma, rassicurazione, ma anche perdita, mancanza, fatica. Le esperienze più profonde, a cominciare dall’amore, prendono origine, forma, proprio da quella perdita. Nella vita dell’uomo, il padre trasmette l’insegnamento della ferita perché la sua prima funzione psicologica e simbolica è quella di organizzare, dare uno scopo alla materia nella quale il figlio è rimasto immerso durante la relazione primaria con la madre. Per questo il padre infligge la prima ferita, affettiva e psicologica, interrompendo la simbiosi con la madre e proponendo, da quel momento, allo sviluppo del bambino una direzione, un télos, una prospettiva. Ogni prospettiva, pero`, focalizza lo sguardo su alcune direzioni e ne esclude altre. Valorizza dei comportamenti a scapito di altri. L’intervento del padre, dunque, limita, in una prima fase, la vita del giovane. Chi ha ricevuto il segno del padre porta nel suo organismo psicofisico il marchio della perdita come ferita profonda, ben visibile anche se cicatrizzata. Questo colpo, doloroso, rende chi lo riceve più` forte: quando verrà la perdita, esperienza non evitabile nella vita umana, essa non lo distruggerà` psicologicamente e spiritualmente. Anzi, egli saprà` trarne il succo più` prezioso: l’amore. Amore per sé, amore per gli altri: entrambi si temprano nell’esperienza della perdita, non nella vanità del successo, e neppure nell’illusoria sicurezza del possesso. Quello del padre è anche un segno di iniziazione. Il segno del padre marchia, e differenzia, a distanza, la fisionomia dell’individuo che lo porta, rispetto a chi non l’ha ricevuto. Per quest’ultimo la perdita non si è fatta ferita, né cicatrice profonda; e` rimasta solo ingiuria (inspiegabile dalla coscienza razionale), offesa di cui protestare in diverse sedi, da quelle giudiziarie a quelle civili, a quelle sanitarie o politiche. Per poter trasmettere la ferita, senza diventare semplicemente sadico, il padre deve però averla ricevuta su di sé. Deve essere stato iniziato da un padre, che gli abbia trasmesso il senso profondo della paternità.

Crediti
 • Claudio Risé •
 • Pinterest • Francisco Goya  •  •

Similari
Aela LabbéPater Noster
62% Anna Maria TocchettoPercorsi
Dalla tua poltrona dominavi il mondo. Solo il tuo punto di vista era giusto. Tu eri per me misura delle cose. Ai miei occhi assumevi l’aspetto enigmatico dei tiranni, la cui Legge si fonda sulla loro persona, non sul pensiero. • Frank Kafka • L’Edipo non ⋯
 ⋯ La più bella delle belle
38% Beatrice MonroyPercorsi
Madre, con l’olio profumato ho dato agio al tuo dolore di spezzarsi. Le mie dita hanno percorso il tuo corpo mentre i tuoi occhi di bambina, fissavano esterrefatti il buio in cui tra poco sarebbero stati costretti a calare. Poi ho spogliato, ti ho strofin⋯
⋯ Antonio Canova ⋯La fissazione del rischio è per sempre?
34% Alain BadiouPercorsi
Tutti sanno che decidere la fine di un amore è sempre un disastro, quali che siano le ottime ragioni che si mettono avanti. Sappiamo dunque intimamente che se l’amore è sempre l’Io ti amo, allo stesso modo è Io ti amo per sempre0. Non abbiamo paura delle ⋯
  ⋯ Roma Town Site
31% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
 ⋯Panta Rei
26% AnonimoPercorsi
Diceva Eraclito, più di duemila anni fa, che non ci si bagna mai due volte nella stessa acqua di un fiume. Dicevano i Greci, sempre più di duemila anni fa, che l’adunaton, l’impossibile per eccellenza, è che ciò che è avvenuto possa non essere avvenuto. O⋯
⋯Resta solo l’Amore
24% Bert HellingerPercorsi
La vita ti delude per farti smettere di vivere di illusioni e vedere la realtà. La vita ti distrugge tutto il superfluo, fino a quando resta solo l’importante. La vita non ti lascia in pace per farti smettere di litigare e accettare tutto così com’è. La v⋯