Gustave Doré ⋯ Baruc
Quali colombe, dal disio chiamate,
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere, dal voler portate;
cotali uscir de la schiera ov’è Dido,
a noi venendo per l’aere maligno,
sì forte fu l’affettüoso grido.

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • Inferno, V, 82-87 •
 • Pinterest • Gustave Doré Baruc • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ E come li stornei ne portan l’ali
76% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E come li stornei ne portan l’ali nel freddo tempo a schiera larga e piena, così quel fiato li spiriti mali di qua, di là, di giù, di su li mena; nulla speranza li conforta mai, non che di posa, ma di minor pena. E come i gru van cantando lor lai, faccend⋯
⋯  ⋯Trasformazioni
55% Henrik IbsenPoesieRacconti
In un giardino c’era un melo in fiore e in questo giardino c’era anche un’ape che s’innamorò d’uno dei bianchi fiori del melo. Entrambi s’amarono appassionatamente e si fidanzarono. Poi l’ape, d’estate, se ne andò e quando tornò il fiore si era trasformat⋯
Gustave Doré ⋯ Il viaggio verso EmmausQuale allodetta che ‘n aere si spazia
49% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quale allodetta che ‘n aere si spazia prima cantando, e poi tace contenta de l’ultima dolcezza che la sazia, tal mi sembiò l’imago de la ‘mprenta de l’etterno piacere, al cui disio ciascuna cosa qual ell’ è diventa.
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
42% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
Gustave Doré ⋯ Era già l’ora che volge il disio
32% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Era già l’ora che volge il disio ai navicanti e ‘ntenerisce il core lo dì c’ han detto ai dolci amici addio; e che lo novo peregrin d’amore punge, se ode squilla di lontano che paia il giorno pianger che si more.
Gustave Doré ⋯ Il muto possedevaOh vana gloria de l’umane posse!
25% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Oh vana gloria de l’umane posse! com’ poco verde in su la cima dura, se non è giunta da l’etati grosse! Credette Cimabue ne la pittura tener lo campo, e ora ha Giotto il grido, sì che la fama di colui è scura. Così ha tolto l’uno a l’altro Guido la gloria⋯