Gustave Doré ⋯ Lazzaro e il ricco
Quando leggemmo il disïato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,
la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante”.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Pinterest • Gustave Doré Lazzaro e il ricco • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with FruitLasciatemi esser felice
83% Pablo NerudaPoesieSchiele Art
Questa volta lasciatemi esser felice non è successo nulla a nessuno non sono in alcuna parte accade solamente che sono felice in tutte le parti del cuore camminando dormendo o scrivendo che ci posso fare, sono felice Son più innumerevole dell’erba nelle p⋯
 ⋯ I poveri si erano venduti
31% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
31% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Gustave Doré ⋯ Chiusura della crocifissioneO insensata cura dè mortali
30% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
O insensata cura dè mortali, quanto son difettivi silogismi quei che ti fanno in basso batter l’ali! Chi dietro a iura e chi ad amforismi sen giva, e chi seguendo sacerdozio, e chi regnar per forza o per sofismi, e chi rubare e chi civil negozio, chi nel ⋯
Gustave Doré ⋯ Paolo a EfesoE qual è quei che disvuol ciò che volle
30% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E qual è quei che disvuol ciò che volle e per novi pensier cangia proposta, sì che dal cominciar tutto si tolle, tal mi fec’ïo ‘n quella oscura costa, perché, pensando, consumai la ‘mpresa che fu nel cominciar cotanto tosta.
⋯ Rita Minelli ⋯Vera coppia concordante!
28% PoesieWilliam Shakespeare
Qui l’antifona comincia: morto è amore e la costanza; son fuggiti in mutua fiamma la Fenice e la Tortora. Era tanto il loro amore, ch’era in due una sola essenza, e distinto e non diviso amor numero uccideva. Due i cuori ma indivisi; e distava senza spazi⋯