Quando regna la parola
Il nostro è un mondo in cui regna la parola; parola, che sottomette il desiderio di ciascuno alla legge del desiderio dell’Altro. È dunque nella misura in cui l’intenzione o la domanda, che attraversando la catena significante, può farsi valere presso l’oggetto materno. In questa misura, il bambino, che ha costituito la madre come soggetto sul fondamento della prima simbolizzazione, si trova interamente sottomesso a ciò che possiamo chiamare, ma solo per anticipazione, la legge. La legge della madre è, beninteso, il fatto che la madre è un essere parlante, e questo basta al legittimare il fatto che io dica la legge della madre. Nondimeno questa legge è, se così posso dire, una legge incontrollata, che sta interamente nel soggetto da cui proviene, vale a dire nel buono o nel cattivo volere della madre, la buona o la cattiva madre. Il bambino perciò, si abbozza come assoggetto, perché si sperimenta sentendosi innanzitutto, come profondamente assoggettato al capriccio di ciò da cui dipende, anche se questo è un capriccio articolato. A questo punto è essenziale che la madre lasci subentrare il padre come mediatore di ciò che è al di là della sua propria legge e del suo capriccio, vale a dire, puramente e semplicemente, della legge come tale. Ed è in quanto tale che è accettato o non è accettato dal bambino, come colui che privi o non privi la madre, dell’oggetto del suo desiderio.

Crediti
 • Jacques Lacan •
 • Pinterest • Thomas B. Kennington  •  •

Similari
 ⋯ Coccodrille o narcisiste?
180% ArticoliMassimo RecalcatiPsicologia
Nella cultura patriarcale la madre era sintomaticamente destinata a sacrificarsi per i suoi figli e per la sua famiglia, era la madre della disponibilità totale, dell’amore senza limiti. I suoi grandi seni condensavano un destino: essere fatta per accudir⋯

⋯  ⋯Il cristallo si vendica
107% ArticoliJean BaudrillardPsicologia
La psicoanalisi ha privilegiato un aspetto della nostra vita, e ci ha nascosto l’altro. Ha sopravvalutato una delle nostre nascite, la nascita biologica e genitale, e ha dimenticato l’altra, la nascita iniziatica. Ha dimenticato che se ci sono due esseri ⋯

 ⋯ Fu l’età dei Lumi a condannare la pratica del biblico Onan
91% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
Condannata, sublimata, elogiata, la masturbazione, per una sorta di ironia della storia, incrina la venerabilità dell’Età dei Lumi, giustamente considerata età della ragione, che lascia finalmente alle sue spalle il buio dei secoli precedenti oscurati da ⋯

 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
82% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯

 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
81% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯

 ⋯ Introduzione all’Antiedipo
77% Alessandro FontanaArticoliPsicologia
Si immagini la storia come una massa globulare, una nebulosa, con oggetti puntuali inegualmente distribuiti e stati d’intensità differenziali: insieme aleatorio e stocastico più che continuo statistico. Il presente allora non sarebbe spesso che la derivat⋯