⋯
La vita ti delude per farti smettere di vivere di illusioni e vedere la realtà.
La vita ti distrugge tutto il superfluo, fino a quando resta solo l’importante.
La vita non ti lascia in pace per farti smettere di litigare e accettare tutto così com’è.
La vita ti toglie quello che hai affinché tu smetta di lamentarti e incominci a ringraziare.
La vita ti manda persone conflittuali al fine che tu smetta di pensare a ciò che c’è fuori e incominci a guardare ciò che avviene dentro.
La vita lascia che tu cada ancora ed ancora, fino a quando non decidi di imparare la lezione.
La vita ti tira fuori dal cammino presentandoti dei bivi, finché non smetti di voler controllare e fluisci come un fiume.
La vita ti mette nemici sulla strada, fino a quando non smetti di “reagire”.
Ti spaventa la vita e lo fa ardentemente tutte le volte che sarà necessario, fino a quando perdi la paura e recuperi la tua fede.
La vita ti toglie l’amore vero, non te lo concede né permette, finché non smetti di provare a comprarlo con i gingilli.
La vita ti allontana dalle persone che ami, fino a quando capisci che non siamo questo corpo, ma l’anima che lui contiene.
La vita ride di te tante volte, finché non smetti di prendere tutto così sul serio e ridi anche tu di te stesso.
La vita ti fa fallire, ti rompe in tante parti perchè sono necessarie al fine che in te penetri la luce.
La vita ti affronta con ribellione, finché non smetti di cercare di controllare.
La vita ti ripete lo stesso messaggio, anche con urla e schiaffi, fino a quando finalmente ascolti. Ti manda raggi di sole e buie tempeste, per farti svegliare. Ti umilia e sconfigge ancora ed ancora fino a quando decidi di lasciare morire il tuo ego.
La vita ti nega i beni e la grandezza fino a quando non smetti di desiderarli e inizi a voler servire.
La vita ti taglia le ali e ti pota le radici, fino a quando non comprendi che non ti servono né ali né radici, ma solo sparire nelle forme e volare nell’essere.
La vita ti nega i miracoli, finché non capisci che è tutto un miracolo.
La vita ti accorcia il tempo, così ti sbrighi ad imparare a vivere.
La vita ti ridicolizza finché non diventi niente, finché non ti fai nessuno, e così diventi tutto.
La vita non ti dà ciò che vuoi, ma ti dona ciò di cui hai bisogno per evolvere. Ti ferisce, ti tormenta, finché non lasci i tuoi capricci e ringrazi per il solo fatto che puoi ancora respirare.
La vita ti nasconde i tesori, finché non comprendi il viaggio ed entri a cercarli.
La vita ti nega Dio fino a quando non lo vedi in tutti e in tutto.
La vita ti accorcia, ti pota, ti toglie, ti delude, ti umilia, ti crepa, ti spezza, finché in te resta solo Amore.

Crediti
 • Bert Hellinger •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
535% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
419% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
226% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
La scrittura delle donne
188% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Da Zarathustra a Khomeini
164% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯