Egon Schiele ⋯
L’esattezza di questa speranza risiedeva nel fatto che se la cosa essenziale – restare vivi e integri – era riuscita, allora sarebbe riuscito tutto il resto e qualsiasi altra cosa, anche se fosse stato necessario condurre il mondo intero alla sua ultima tomba: ma se l’essenziale era stato realizzato e vissuto, e non era stata incontrata la cosa di cui più si abbisognava – non la felicità, ma la necessità -, allora nella vita che restava da vivere non si sarebbe più fatto in tempo a trovare quel che andava perduto, magari quella cosa smarrita era completamente scomparsa dal mondo: molti uomini avevano percorso tutte le strade, aperte e impraticabili, e non avevano trovato nulla.

Crediti
 • Andrej Platonov •
 • Čevengur •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
49% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Egon Schiele ⋯ Sleeping GirlTristezza scacciata
42% Joseph RothSchiele Art
Quando egli stava sul podio degli oratori e parlava davanti ai giovani, lo opprimeva il peso delle sue vicende, si sentiva vecchio e si sarebbe dato cent’anni. A volte, a casa, si guardava nello specchio e si convinceva che la sua faccia non era più vecch⋯
Egon Schiele ⋯ L’ultimo Selvaggio
41% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Uscii dall’ultimo spettacolo nelle strade vuote. Lo scheletro mi passò accanto, tremando, appeso all’asta di un camion della spazzatura. Grandi berretti gialli celavano il volto dei netturbini, ma anche così credetti di riconoscerlo: un vecchio amico. Ecc⋯
Egon Schiele ⋯ Vicino alla scogliera
39% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
In alberghi che somigliavano a organismi viventi. In alberghi come l’interno di un cane da laboratorio. Affondati nella cenere. Il tipo che, seminudo, suonava in continuazione la stessa canzone. E una donna, la proiezione olografica di una donna, usciva s⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
37% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯
Egon Schiele ⋯Standing Girl with a Transparent DressAggettivo unito a una cosa impossibile
37% Danilo KišSchiele Art
Tutto quello che mi restava nella coscienza era l’impressione di un incubo, tutto quello che potevo formulare in maniera sensata era una sola e unica parola: GRANDE, un aggettivo unito a una cosa impossibile, a un concetto che non si lasciava identificare⋯