Egon Schiele  ⋯

Il silenzio è una discussione portata avanti con altri mezzi.
Ernesto (Che) Guevara de la Serna

Per un artista come Schiele, ossessionato dalla raffigurazione del corpo umano, la scelta di dipingere paesaggi urbani silenziosi e totalmente deserti, in cui non compare nessun essere vivente, è un segno evidente della ricerca di un’alternativa radicale. Schiele rinuncia del tutto alle regole della prospettiva classica, e anche alle conquiste luministiche e atmosferiche dell’impressionismo: nei suoi paesaggi urbani le case si addensano in file fitte e serrate, blocchi geometrici che si incastrano l’uno nell’altro come in un gioco di cubi colorati, seguendo un nitido tracciato grafico.

Crediti
 • Anonimo •
 • Descrizione del dipinto •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
386% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
La scrittura delle donne
201% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
197% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
195% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Il mercantile
177% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯