Ricettività alla critica
Il genere di «ricettività alla critica» tipico della società moderna nella sua forma attuale è paragonabile al modello invalso nei camping per roulotte.
Il camping è aperto a chiunque possegga una roulotte e il denaro per pagare la quota di soggiorno. Gli ospiti vanno e vengono; nessuno presta molta attenzione al modo in cui è gestito il posto, purché a ciascun cliente sia garantita una piazzola sufficientemente grande, le prese elettriche e i rubinetti dell’acqua siano funzionanti e gli abitanti delle roulotte a fianco non facciano troppo chiasso e tengano basso il volume di radio e televisore portatile dopo una certa ora. Gli ospiti portano nel parcheggio le proprie case agganciate alle auto, equipaggiate di tutto il necessario per il soggiorno, che comunque si sa già essere breve. Ciascun turista ha il proprio itinerario e programma di viaggio. Ciò che tutti loro pretendono dai responsabili del camping è poco più (ma anche niente di meno) che essere lasciati in santa pace e non essere disturbati. In cambio, essi promettono di non contestare l’autorità dei responsabili e pagare quanto dovuto. Poiché pagano, pretendono anche. Si mostrano irremovibili in merito al diritto di usufruire dei servizi promessi, ma per tutti gli altri versi se ne stanno per i fatti propri e si infurierebbero se qualcuno osasse vietarglielo. Occasionalmente, possono reclamare un servizio migliore, e se lo fanno con piglio sufficiente possono anche ottenerlo. Qualora si sentano defraudati o ritengano che i responsabili siano venuti meno alle promesse fatte, i roulottisti possono reclamare il rimborso, ma non si sogneranno neanche di mettere in discussione e rinegoziare la filosofia manageriale del posto, e tanto meno di assumersi la responsabilità di dirigerlo essi stessi. Al massimo, possono decidere di non mettervi mai più piede e di sconsigliarlo agli amici. Una volta partiti per la tappa successiva, il camping rimane esattamente com’era prima del loro arrivo, in nulla cambiato dalla permanenza dei precedenti campeggiatori e in attesa di altri pronti ad arrivare, sebbene possa accadere che, in caso di lamentele costanti e reiterate da parte dei turisti, la direzione decida di cambiare qualcosa, in modo da evitare in futuro il ripetersi delle proteste.

Crediti
 • Bauman Zygmunt •
 • Modernità liquida •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Impero, vent’anni
253% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
162% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
  ⋯ Io so
142% ArticoliPier Paolo PasoliniPolitica
Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato “golpe” (e che in realtà è una serie di “golpe” istituitasi a sistema di protezione del potere). Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969. Io so i nomi dei respons⋯
 ⋯ La scrittura delle donne
122% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
⋯  ⋯Capitalismo o Economia Pianificata
115% Herbert George WellsPolitica
Herbert George Wells: Le sono molto grato per aver accettato di incontrarmi. Recentemente sono stato negli Stati Uniti. Ho avuto una lunga conversazione con il presidente Roosevelt e ho cercato di chiarire quali sono le sue idee principali. Ora sono venut⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
102% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯