Egon Schiele ⋯ Nudo, disteso
Perché poi, svegliandovi dal sogno e rientrando ormai del tutto nella realtà, quasi ogni volta, e talvolta con una inusitata forza percettiva, sentite che, assieme al sogno, avete abbandonato qualcosa che per voi resta un mistero? Ridete dell’assurdità del vostro sogno e sentite al tempo stesso che nell’intreccio di quelle assurdità risiede un’idea, ma un’idea che questa volta è reale, qualcosa che appartiene alla vita vera, qualcosa che esiste e che è sempre esistito nel vostro cuore; è come se, attraverso il vostro sogno, vi fosse stato detto qualcosa di nuovo, di profetico, qualcosa che vi aspettate; la vostra impressione è forte, gioiosa o tormentosa, ma in cosa consista e cosa vi sia stato detto è qualcosa che non riuscite né a comprendere, né a ricordare.

Crediti
 • Fëdor Dostoevskij •
 • SchieleArt •  Nudo, disteso • 1917 •

Similari
Egon Schiele ⋯ L’asino
73% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
A volte sogno che Mario Santiago viene a prendermi con la sua motocicletta nera. Ci lasciamo alle spalle la città e man mano che le luci vanno sparendo Mario Santiago mi dice che si tratta di una moto rubata, l’ultima moto rubata per viaggiare attraverso ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
64% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Devo scandire le parole
53% Schiele ArtVito Mancuso
Dopo il terzo segnale in sala si spengono le luci, si apre il sipario ed entra una maschera imprecisata dell’antica commedia dell’arte. «Eccomi qui, davanti a voi, onorato pubblico. Lo sapete? Ora che ho messo piede su questo palcoscenico entrando alla vo⋯
Egon Schiele ⋯ Affidatevi al vostro corpo per il trasporto
51% FilosofiaLao TzuSchiele Art
Nei tempi antichi, la gente viveva la vita che contemplava la sua totalità. Essi non sopravvalutavano l’intelletto, ma integravano mente, corpo e spirito in tutte le cose. Questo ha permesso loro di diventare padroni della conoscenza piuttosto che vittime⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
41% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Egon Schiele ⋯Essenza della decenza
38% AnonimoSchiele Art
Un anziano incontra un giovane che gli chiede: – Si ricorda di me? E il vecchio gli dice di no. Allora il giovane gli dice che è stato il suo studente. E il professore gli chiede: – Ah sì? E che lavoro fai adesso? Il giovane risponde: – Beh, faccio l’inse⋯