Rifiutare quel che ho chiamato
Quel che finora mi ha fatto soffrire è d’avere rifiutato il Vuoto.
Il Vuoto che era già in me.
È sufficiente questo movimento di luna
che mi fa chiamare quel che rifiuto
e rifiutare quel che ho chiamato.

Crediti
 • Antonin Artaud •
 • Pinterest • Alberto Pancorbo  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
60% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
 ⋯ La dimora di sogni
47% Jorge Luis BorgesPoesie
Ariosto mi insegnò che sull’incerta Luna dimorano i sogni, l’inafferrabile, il tempo che si perde, il possibile o l’impossibile, che è la stessa cosa. generazioni di uomini hanno guardato verso la luna, hanno pensato ad essa e l’hanno mutata in mito, per ⋯
Egon Schiele ⋯ Sul satellite d’argento
36% Gianni RodariPoesieSchiele Art
Sulla luna, per piacere, non mandate un generale: ne farebbe una caserma con la tromba e il caporale. Non mandateci un banchiere sul satellite d’argento, o lo mette in cassaforte per mostrarlo a pagamento. Non mandateci un ministro col suo seguito di usci⋯
 ⋯ Com’è alto il dolore.
25% Giorgio CaproniPoesie
Com’è alto il dolore. L’amore, com’è bestia. Vuoto delle parole che scavano nel vuoto vuoti monumenti di vuoto. Vuoto del grano che già raggiunse ( nel sole ) l’altezza del cuore.
~brazen79 ⋯ Rossella UrruNella notte
23% AnonimoPoesie
La notte in cui la lucciola scomparve si fece buio ovunque, all’improvviso. L’eclissi ci colse alla sprovvista: non avevamo candele negli armadi. In strada, i lampioni erano zitti nelle case, i caminetti spenti. Non ci fu nessuno che trovasse legna da bru⋯
Christoffer Relander ⋯ Senz’altro era quello
22% Mark StrandPoesie
Era impossibile da immaginare, impossibile da non immaginare; la sua azzurrezza, l’ombra che lasciava, che cadeva, riempiva l’oscurità del proprio freddo, il suo freddo che cadeva fuori da se stesso, fuori da qualsiasi idea di sé descrivesse nel cadere; u⋯