Riflesso della virilità
Nelle gare dell’emancipazione dell’umanità verso l’umanità che non lasciano scampo ad alcuna corrente vera verso la libertà dell’individuo e la felicità fra di noi se non come tradimento e utopia e disillusione verso l’eterno ritorno al punto morto di prima, non ci è ancora stato dato di sapere cos’è una donna, e la stessa femminilità è un riflesso della virilità.

Crediti
 • Aldo Busi •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Nudo di madreNudo di madre
58% Aldo BusiArticoli
 Io sono lo Scrittore, non sono un uomo. Se fossi un uomo sarei già Unabomber da un bel po’ e senza neppure uscire dall’ambito del focolare. Il vero oggetto (l’opera) e il vero soggetto ( lo Scrittore) della letteratura della modernità risiedono nell’auto⋯
Contro l'implicitoContro l’implicito
29% Aldo BusiFrammenti
Tutto ciò che è implicito crea disaccordo, cioè allontanamento dalle fonti del dialogo vivo, dall’intesa duratura e dall’onestà intellettuale, cioè dal cuore del cuore dell’identità sensibile, tutto ciò che fra due individui non è detto perché si presuppo⋯
⋯ Kiyo Murakami ⋯Trapelare la virilità
25% Aldo BusiPercorsi
All’immagine di un volto da sogno o ideale, è preferibile la faccia di una realtà per quello che è, per le parole che ha, per il suo cortese incespicare, per la bontà che trapela dalla sua virilità, per essersi saputo situare oltre ogni possibile attesa e⋯
 ⋯ Tram che si chiama desiderio
22% Aldo BusiFrammenti
Ma Lei non mi dice le ragioni della sua disillusione di un tempo, sicché posso pensare che Lei si illudeva che in amore basti fare l’abbonamento e non si arriva mai a fine corsa o che nessuno ti chiederà mai di smontare dal tram-che-si-chiama desiderio in⋯
Christoph Van DaelePiccola bugia ambulante
22% Aldo BusiFrammenti
Ci sono momenti, in cui uno non è più niente o una piccola bugia ambulante nell’iride di un altro che è meno ancora, puro spazio per far spazio al primo che bussasse. Andare o restare – diventa un atto di disillusione e di sovranità .
 ⋯ L’inconsolabile
19% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯