Rinunciare ai miraggi
Ma poco dopo ecco che arriva il destino, ci agguanta brutalmente, e ci insegna che nulla ci appartiene, perché tutto è suo; e che ha diritti incontestabili non soltanto su tutto ciò che possediamo e guadagniamo, sulle nostre mogli e sui nostri figli, ma persino sulle nostre braccia e sulle nostre gambe, su occhi e orecchi; e che è suo anche il naso che portiamo in mezzo alla faccia. Poi viene l’esperienza e, con essa, la capacità di comprendere che felicità e piacere sono miraggi che è dato scorgere soltanto di lontano, e scompaiono quando uno sta per raggiungerli, mentre la pena e il dolore sono realtà; parlano con la propria voce, senza bisogno di intermediari né di essere preceduti da illusioni o da attese. Se l’esperienza ci ha insegnato qualcosa, noi smettiamo di andare in caccia della felicità e del piacere, e pensiamo piuttosto a sbarrare la strada, per quanto è possibile, alle sofferenze e al dolore. Allora comprendiamo che il meglio che possa offrire la vita è un’esistenza prova di dolore, sopportabile, tranquilla, e a quella limitiamo le nostre aspirazioni, per poterle realizzare tanto più sicuramente; e il mezzo più sicuro per non essere molto infelici è la rinuncia a pretendere di essere molto felici.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
404% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
129% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Ai giovani
91% ArticoliFilosofiaJiddu Krishnamurti
Vi siete mai chiesti quale sia il senso dell’educazione? Perché andiamo a scuola, perché impariamo varie materie, perché facciamo esami e gareggiamo fra di noi per avere i voti migliori? Qual è il significato della cosiddetta educazione, qual è la sua ver⋯
 ⋯ La violenza nella storia
79% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
76% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
Siddharta GautamaIl buddismo
68% Autori VariFilosofia
Fondato in India da Siddharta Gautama, detto Buddha, (566-486 a.C.), il Buddismo è, nella sua chiave classica, la dottrina che ha avuto maggior diffusione, sia nell’Asia centrale che nell’Estremo Oriente come nel Sud-Est asiatico, e, particolarmente, in G⋯