Ritmo sottostante alle parole
La lingua, il linguaggio, il ritmo sottostante alle parole, e che distrugge le parole, è l’esercizio sovrano della libertà individuale attraverso la lingua materna, il piacere di fargli dire altro (compreso il contenuto) da ciò che ci ha insegnato. Le parole non hanno morale. Io non sono il loro servitore, e non aspetto da loro che quello che gli darò la possibilità di diventare: dei mezzi di resistenza a tutte le forme di angoscia, a tutte le forme di repressione.

Crediti
 • Alain Jouffroy •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
57% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
 ⋯ La mia intera esistenza
50% David Foster WallaceLinguaggio
Magari ti trovi nel mezzo di una riunione creativa al lavoro o roba del genere e per la testa ti passa tanto di quel materiale in quei brevi istanti di silenzio in cui i partecipanti scorrono i propri appunti in attesa della presentazione successiva che c⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
49% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯
 ⋯ Pittura e musica della scrittura
48% Gilles DeleuzeLinguaggio
Lo scrittore, come dice Proust, inventa nella lingua una nuova lingua, una lingua, in qualche modo, straniera. Scopre nuove potenzialità grammaticali o sintattiche. Trascina la lingua fuori dai solchi abituali, la fa delirare. Ma il problema di scrivere n⋯
 ⋯ Un niente che non implichi alcun significato
41% Jean-Luc NancyLinguaggio
La verità viene dalla lingua già persa o ancora a venire. Viene dalla voce che si cerca dietro la voce. Una lingua inaudita, un giro linguistico irripetibile, un’incisione praticata nella lingua dalla lama di un fuori, fatto al tempo stesso di non-lingua ⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
41% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯