Ritratto del mentitore
Conosciamo l’origine della verità, la salutiamo nella menzogna; conveniamo che un concetto sia vero, costruiamo sensi e significati, definiamo luoghi; e la memoria delle passate verità diviene leggenda o mitologia. L’uomo sa: l’uomo è consapevole che tutto ciò che lo circonda sia creazione del suo linguaggio e condivisione dei suoi simboli. Tuttavia, preferisce credere inganno il gioco sublime della letteratura, stabilendo in tal modo che la sua ideale antitesi sia la realtà. Questa ragione induce a predire che la letteratura non morirà mai, né si dissolverà progressivamente: è necessaria più degli dei agli uomini, perché gli dei dalla letteratura realmente nascono, e nella letteratura realmente muoiono. Manganelli sostiene che la letteratura sia una pseudo-teologia, perché prima sua figura retorica è l’invenzione degli dei e dell’inferno. Ci si domanda quale sia la necessità di aggiungere il prefisso pseudo alla parola teologia.
In questo libro troviamo non la descrizione degli elementi fisici utili ad individuare il mentitore o la cruda disamina della sua condizione di nervoso fuggiasco prossimo alla resa; ma un suo ritratto. Manganelli riferisce che costui sia l’escogitatore della letteratura fantastica:

Letteratura Fantastica

Crediti
 • Giorgio Manganelli •
 • Letteratura come menzogna •
  • 1909 •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯La resa dei conti nell’ultimo capitolo
24% EstrattiVirginia Woolf
Le nostre prima impressioni di Cechov non sono di semplicità ma di sconcerto. Che cosa vuol dire, e come può credere che si possa fare un racconto con questo?, ci domandiamo a misura che leggiamo i suoi racconti. Un uomo si invaghisce di una donna sposata⋯
 ⋯ Scrivere non è un gesto sociale
24% FrammentiGiorgio Manganelli
Non v’è letteratura senza diserzione, disubbidienza, indifferenza, rifiuto dell’anima. Diserzione da che? Da ogni ubbidienza solidale, ogni assenso alla propria e altrui buona coscienza, ogni socievole comandamento. Lo scrittore sceglie in primo luogo di ⋯
 ⋯ L’uomo in rivolta
19% Albert CamusEstratti
Che cos’è un uomo in rivolta? Un uomo che dice no. Ma se rifiuta, non rinuncia tuttavia: è anche un uomo che dice di sì, fin dal suo primo muoversi. Uno schiavo che in tutta la sua vita ha ricevuto ordini, giudica ad un tratto inaccettabile un nuovo coman⋯
Egon Schiele ⋯ Falsità delle lettere
16% Giorgio ManganelliSchiele Art
La letteratura è indifferente all’uomo. Mantiene i contatti con lui solo nella misura in cui costui cessa di essere umano.
Saul Steinberg ⋯ Epifania di parole
14% Giorgio ManganelliPercorsi
la letteratura è una misteriosa, emblematica epifania di parole, che agiscono anche dove tacciono: essa non teme le altezze della teologia positiva, e gli «abissi chiari» della teologia negativa; non ha luogo, ma penetra dovunque, anche nella preziosa for⋯
 ⋯ Pazzo cratere della civiltà
12% EstrattiHenry Miller
Quando abbasso gli occhi su questa fica fottuta di puttana sento tutto il mondo sotto di me, un mondo che barcolla e precipita, un mondo usato e levigato come il cranio di un lebbroso. Se ci fosse un uomo che osasse dire tutto quello che ha pensato di que⋯