Ritratto di Gustav Klimt mortoIl dipinto che analizzeremo oggi è un ritratto molto particolare, eseguito da Egon Schiele nel 1918, intitolato Ritratto del defunto Gustav Klimt. Si tratta di un lavoro in bianco e nero, realizzato con la tecnica del gesso nero su carta, che misura 46,9 x 30,1 cm.

Il soggetto del ritratto è lo stesso Klimt, celebre pittore austriaco ed amico di Schiele, che era deceduto pochi mesi prima della realizzazione dell’opera. La composizione ritrae il corpo del pittore disteso su un letto, con la testa leggermente sollevata e il volto rivolto verso lo spettatore. La posa è molto pacata e sembra quasi sospesa nel tempo, grazie alla capacità di Schiele di catturare l’essenza del soggetto con grande sensibilità.

Nonostante l’argomento triste e malinconico, il dipinto è pieno di vita, grazie ai tratti decisi e precisi di Schiele, che conferiscono al lavoro un’intensità e una profondità unica. Il contrasto tra la morbidezza del volto di Klimt e l’aspetto scheletrico del corpo, unito alla precisione dei tratti e alla ricchezza dei dettagli, crea un’opera d’arte emozionante e coinvolgente.

Il gesso nero utilizzato dal pittore crea un effetto di profondità che sembra uscire dalla carta, donando alla figura una tridimensionalità unica. Inoltre, il colore nero conferisce all’opera un’atmosfera tetra, che rafforza il senso di malinconia presente nella scena.

La firma dell’artista si trova in basso al centro dell’opera, insieme alla data 7.II 1918, che testimonia la realizzazione del lavoro poco dopo la morte dell’amico. A sinistra del ritratto è inoltre presente l’iscrizione GUSTAV KLIMT, che ne conferma l’identità del soggetto.

In conclusione, Ritratto del defunto Gustav Klimt di Egon Schiele è un’opera d’arte unica, che riesce a catturare la bellezza e la fragilità dell’essere umano in modo straordinario. La tecnica utilizzata dal pittore, la precisione dei dettagli e la profondità del significato rendono questo lavoro uno dei capolavori della storia dell’arte austriaca. L’opera è conservata presso il Leopold Museum di Vienna, dove è stata acquisita nel 1994 come contributo alla Leopold Museum-Privatstiftung.

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Portrait of the Dead Gustav Klimt • 




Quotes casuali

All'uomo di spiccate doti intellettuali la solitudine offre un duplice vantaggio: primo, stare con sé stesso, e secondo, non stare con gli altri. Vantaggio questo cui si attribuirà un alto valore quando si consideri quanta costrizione, quanti inconvenienti e persino quanti rischi comporta ogni relazione umana. Dice la Bruyère: Tutto il nostro male deriva dal non riuscire a stare soli.Arthur Schopenhauer
Consigli sulla felicità
La difficoltà più grande per lui rimase l'incapacità di accettare la vita così com'era.Arthur Rimbaud
Le nuove tecnologie stanno portando ad un livello tale di solitudine che però si glorifica di essere comunicativa. è una follia. Una pestilenza dell'anima.Giovanni Lindo Ferretti