Ritratto di Victor Ritter von BauerIl dipinto Ritratto di Victor Ritter von Bauer di Egon Schiele è un olio su tela del 1918, che raffigura il nobile e ricco industriale Bauer. Il dipinto è stato esposto alla XLIX. Kollektivausstellung der Vereinigung bildender Künstler Österreichs nel marzo del 1918, e poi alla Neue Galerie di Vienna nel 1923.

Secondo alcune fonti, il dipinto non sarebbe stato commissionato, ma il frutto di un’amicizia tra Bauer e lo storico dell’arte Erwin Hanslik, che avrebbe presentato il nobile all’artista. Altre fonti, invece, sostengono che la commissione sarebbe stata ottenuta da Karl Grünwald. Sappiamo che le sedute per il ritratto iniziarono nel 1917 e si protrassero fino al gennaio del 1918.

Il dipinto è caratterizzato da uno stile espressionista, con linee forti e tratti decisi, che conferiscono al volto di Bauer un aspetto inquietante e penetrante. Il colore predominante è il bianco, che domina l’intera figura, mentre il volto e le mani del nobile sono dipinti in tonalità più scure.

Nonostante il ritratto sia stato esposto nel 1918, sembra che Bauer non ne abbia mai posseduto il diritto di proprietà, poiché il dipinto fu venduto per 3.000 corone alla mostra stessa.

Il dipinto è ora conservato nella Österreichische Galerie im Belvedere di Vienna, dove è stato acquisito nel 1930 dalla stessa istituzione.

Il Ritratto di Victor Ritter von Bauer è un’opera significativa nella produzione di Schiele, che riflette la sua abilità nel catturare l’essenza psicologica dei suoi soggetti attraverso un uso audace del colore e delle linee.

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Portrait of Victor Ritter von Bauer • 




Quotes casuali

Mia moglie si è presa la casa, la macchina, il conto in banca, e se mi sposerò di nuovo e avrò dei figli, si prenderà anche loro.Woody Allen
Il nostro compito quali esseri umani consiste nel compiere, all'interno della nostra propria, unica, personale esistenza, un passo in avanti sulla strada che dalla bestia porta all'uomo.Hermann Hesse
E il paranoico ricostruisce il mondo, non più splendido in verità, ma almeno tale da potere nuovamente vivere in esso. Lo ricostruisce con il lavoro del suo delirio. La formazione delirante che noi consideriamo il prodotto della malattia costituisce, in realtà, il tentativo di guarigione, la ricostruzione.Sigmund Freud