Egon Schiele – Gustav Klimt ⋯ Ritratto di donna sul Danubio

Il dipinto è documentazione dell’incontro avvenuto tra Egon Schiele e Gustav Klimt nel 1907 – 1908, quando Klimt andò a trovare Schiele nel suo studio a Grünbergstrasse vicino a Schönbrunn e avvenne lo scambio di lavori artistici, periodo in cui Schiele dipinge la natura i paesaggi en plein air e Klimt invidiava l’espressione dei volti dipinti da Schiele, siglato E.S.G.K (Egon Schiele, Gustav Klimt), e sul verso porta il sigillo di entrambi gli artisti. A Dresda nell’esposizione antologica di Klimt fu ordinato di non esporre dipinti che mettessero paura! Dopo aver creato uno scandalo con Pallade Atena, dove la Dea assume l’allarmante aspetto di demone della Secessione. In questo dipinto si osserva il modo di fare il paesaggio, la natura, l’acqua, le betulle, e parte del disegno della donna, di Gustav Klimt mentre il volto, in stile fauves suggerisce le espressioni di Schiele. Bisogna considerare che le donne per Gustav Klimt sono delle dee remote e irraggiungibili, mentre per Schiele sono vere, terrene. Una “venere” ritratta nella natura incontaminata dimensione esistenziale dell’uomo, in continuo conflitto tra la vita e la morte; desolazione, incomunicabilità, angoscia della solitudine dell’artista incompreso. Parafrasando i dettagli con sottili velature di tenui colori, sottolineature, virgole appena percettibili, s’intravede la melanconia. Il percorso formativo di Schiele si svolge interamente nel mondo culturale dell’ impero asburgico nel quale s’intrecciano le figure di Freud, dei musicisti Mahler, Strauss e Schoenberg, dei letterati Roth, Musil, Schnitzler e politici Adolf Hitler.

Leggiadra Venere
violacee tenebre,
case isolate sul fiume della vita,
centinaia di volti malinconici sofferenti,
oscure anime osservano
l’alba del giorno che verrà…

Sul bel Danubio blu estrapolato da una delle poesie della raccolta Stille Lieder (Canti tranquilli), scriveva Schiele su due righi musicali: Che un Dio stia in cielo non credo, ingiusti sono i suoi atti!

Crediti
 • Stille Lieder •
 • SchieleArt •  Ritratto di donna sul Danubio •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
560% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ Destini incrociati
280% Schiele ArtWikipedia
Nel 1907 il Caffè Museum di Vienna è il teatro di un incrocio destinato a segnare la storia dell’arte: il pittore Gustav Klimt, al tempo quarantacinquenne, incontra il giovanissimo Egon Schiele, anche lui appassionato di pittura. Malgrado i 28 anni che li⋯
Egon Schiele ⋯ Nude girl, folding her arms across her chestTutto nella vita è morte
169% Laura CorchiaSchiele Art
Inquieto, pessimista e dotato di un eccezionale vitalismo grafico, Egon Schiele affida al suo diario la sua concezione del mondo. Nato a Tulln nel 1890, il pittore austriaco è stato esponente assoluto del primo espressionismo viennese. Alla morte del padr⋯
Egon Schiele ⋯ La prigione del corpo
94% Schiele ArtWikipedia
Nell’opera di Egon Schiele il corpo subisce un trattamento che si potrebbe definire ai limiti del sadismo: eccessivamente magro, consunto, contratto, piegato in forme contorte. Sono uomini (e donne) schizoidi quelli dipinti dall’artista viennese, che, per⋯
Egon Schiele ⋯ Viaggio nell’introspezione psicologica
67% Schiele ArtWikipedia
…uno degli artisti più rappresentativi dell’Espressionismo: il suo interesse per il corpo. Schiele viene influenzato dal linguaggio prezioso e raffinato di Gustav Klimt, ma la sua pittura è un viaggio nell’introspezione psicologica. I suoi sono segni ch⋯
Egon Schiele ⋯ La morte e la ragazzaDeformazione espressionistica dei corpi
63% Philippe DaverioSchiele Art
Nel 1915 Schiele visse un momento di grandi cambiamenti: dopo aver sposato Edith Harms, venne chiamato alle armi. La tela diventa quindi un autoritratto attraverso il quale l’artista rielabora questi suoi mutamenti personali. La composizione prende le mos⋯