Roba di gameti

Che cos’ha il popolo in questo momento, bé, si annoia, che cosa vorrebbe? Un’epurazione. Sì, il popolo vorrebbe un’epurazione. Ecco che cosa gli manca. Ecco. Bé, allora lei sa che in queste condizioni… e poiché questo istinto è solido, molto di più del granito, è diamante, peggio del diamante. Allora qui è roba di gameti. Una cosa fortissima, dentro le viscere, nevvero? Innata. E questo è… non cambia, l’uomo non cambia, è lo stesso. Cinquecento milioni di anni che lo si conosce, è lo stesso. Ah, anche l’ominide lo si conosce sa, che cosa si vede nella preistoria, si vedono pietre, pietre da tortura, che cosa vede, che cosa vede? Vede un circolo di pietre dove si sedeva la gente e poi una pietra da tortura nel mezzo, apposta per rovesciarci un uomo e tagliargli tutto, nevvero, è con questo che si divertiva la preistoria, si divertivano… a strappare il cervello a persone vive.

Crediti
 Louis-Ferdinand Céline
  Intervista con Francine Bloch
 Pinterest •  Cerchio di pietre vesuviano • 




Quotes per Louis-Ferdinand Céline

Ce n'ha di pietà la gente… e si può dire che ha dell'amore di riserva. L'avevo proprio sentito, molte volte, l'amore di riserva. Ce n'è moltissimo. Non si può dire il contrario. Solo è una disgrazia che resti così carogna con tanto amore di riserva, la gente. Non viene fuori, ecco tutto. È preso dentro, resta dentro, gli serve a niente. Ci crepano dentro, d'amore.  Viaggio al termine della notte

Le cose ci sono, sono lì a rispondere ai nostri sguardi più o meno sicuri, alle domande che non facciamo e nemmeno sappiamo, a salvarci e a condannarci: sempre e pur tuttavia solo cose. Sarebbero chiare se noi non fossimo così confusi. Non sono le cose a comandare ma l'atteggiamento che abbiamo noi di fronte ad esse. Come ci poniamo, come scegliamo se parlare o meno e cosa dire e cosa tenere per noi e non condividere. Cosa lasciare andare.

Io ci ho lottato come si conviene, finché ho potuto… l'ho mazurcata, tantgata, imbaldoriata, rimpolpata parecchio e anche di più!… agghindata, impepata con la farandola trallallero… Ahimè! So bene che tutto si sfascia, cede, molla a un certo punto… So bene che un giorno la mano cade, ricade, lungo il corpo…  Guignol's Band II

Parlando di famiglie, conosco per esempio un farmacista, avenue de Saint-Ouen, che ha un bel manifesto in vetrina, una bella réclame: tre franchi la scatola per purgare tutta la famiglia! Un affare! Giù rutti! Si fa tutto insieme in famiglia. Ci si odia a morte, è il vero focolare, ma nessuno protesta, perché è comunque meno caro che andare a vivere in albergo.  Viaggio al termine della notte

Perché nel cervello d'un coglione il pensiero faccia un giro, bisogna che gli capitino un sacco di cose e di molto crudeli.