⋯
Quasi quattro secoli fa, nel 1607, Giovanni Diodati interpretò alla lettera l’intuizione scritturale di Giordano Bruno “La Sacra Scrittura non è che un sogno” fiammeggiante intuizione freudiana che gli meritò i fasti del rogo (un’invidia!). Mentre la Bibbia di Lutero (1534) fondava la lingua tedesca, la traduzione del Diodati, messa al bando dalla Chiesa insieme al suo artefice rifugiatosi a Ginevra per ovviare alla condanna a morte (che pur rendeva famosi e ben più del moderno “quarto d’ora” concesso ormai a tutti), fondeva per sempre il sogno di una lingua italiana nazionale e dissipava la sua preziosa materialità linguistica italiana solo fra addetti ai lavori d’Oltralpe o addirittura veneziani (che si sa. che uso ne abbiano poi fatto, tanto che il veneziano, parlato e scritto, diventa la lingua ufficiale anche della diplomazia all’estero della Serenissima Repubblica Marinara di Venezia). Ecco, questa opera, (che oggi, ovviamente, consiglio soprattutto per la ricchezza degli apparati storici e critici della edizione de Meridiani) è la più grande occasione mancata del nostro Paese: non si capisce davvero nulla di cose italiane attuali senza capire che cosa non ha comportato la Bibbia di Diodati nel tempo. Anche noi avevamo il nostro sogno di unità fattosi realtà e ci è stato rapinato. E io ho dovuto ricominciare tutto daccapo – e tutto da solo.

Crediti
 • Aldo Busi •
 • Lievitico XXIV, 20 •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
640% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
365% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
I quattro problemi del “traduttore della lettera”
355% Alberto BramatiArticoli
La traduzione è nella sua essenza plurale etica dell’ascolto. • Antoine Berman • In Occidente la riflessione sulla traduzione si è fin dalle origini caratterizzata per l’opposizione tra il senso e la lettera. Citando Cicerone, Gerolamo (1993, 66) afferma ⋯
Non è che un sogno
339% Aldo BusiPsicologia
Quasi quattro secoli fa, nel 1607, Giovanni Diodati interpretò alla lettera l’intuizione scritturale di Giordano Bruno “La Sacra Scrittura non è che un sogno” fiammeggiante intuizione freudiana che gli meritò i fasti del rogo (un’invidia!). Mentre la Bibb⋯
Il mercantile
285% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯