L'amico di Julián

 ⋯ Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggio senza soluzione di ritornità – ma non era una soluzione suicida. Io ero piccolo quando Julián era partito e non come adesso che io sono più grande di lui; ha cambiato solo un poco, ma gli anni non significavano niente per lui anche perché aveva una nozione confusa del tempo, anzi non l’aveva proprio, non riusciva a capire o a ricucire il passato con il presente; si trovava lì, giocando a dadi con me, e non riusciva a spiegarsi come era arrivato, solamente per il fatto di non ricordarsi se era arrivato a piede o con l’autobus, era buffo, ma forse non era questo il motivo della sua incertezza. Non riusciva a ricordarsi nemmeno il motivo della sua partenza e questo lo costringeva a porsi delle domande che subito me le riferiva: mi sembravano dei dejà vu appartenenti a degli spettri che stanno a pelo d’acqua negli stagni sorgivi. Forse capivo male, anche se parlavamo la stessa lingua, o magari non riuscivo a interpretare bene il suo mondo – che lui mi ribadiva che era anche il mio di mondo, cioè il nostro mondo di tutti e di nessuno. Lui era andato oltre, mi diceva; aveva visto i fotoni danzare nelle minuscole onde, una volta sopra e altre sotto, che facevano finta di sdoppiarsi – ma era solo un riflesso per confondere a chi non si fa i fatti propri – e riusciva a prendere più velocità dai salti gravitazionali degli elettroni. Non era chiaro quello che mi diceva, anche perché era convinto che io ero a conoscenza di tutto quello che mi raccontava, quando io mi limitavo solo ad annuire con la mandibola morta. Era andato tanto in là, mi diceva, che aveva toccato il fondo; era riuscito ad arrivare dove l’universo finisce e andando oltre non vedeva più a nessuno di fronte ma di dietro; quando si trovava davanti ad uno specchio si vedeva di spalle e quello che non gli piaceva era quando si spazzolava i denti e nello specchio si vedeva solo il suo sedere, con lo spazzolino che affondava con forza nella cavità anale. Era per questo che ha deciso di fare il rewind e tornare tra noi. Quello che Julián non sa ancora che anche qui – al di qua dell’universo – abbiamo la stessa faccia, ma questo non glielo dico e zitti – mi raccomando – altrimenti riparte e forse, questa volta, non ritorna più.
Similari
 ⋯ Il mercantile
501% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
 ⋯ Il tempo che non fu
221% IneditiSergio Parilli
Racconto noir, ambientato nel passato, che racconta un improbabile spaccato di vita caduca e infortunata verso un destino che non si risolve con l’accettazione degli eventi ma affrontando le sfide che il sistema presenta ai personaggi. Di solito Paolo, do⋯
 ⋯ Ade e Persefone
97% ArticoliIneditiSergio Parilli
Agli inizi del tempo, quando i Titani furono sconfitti da Zeus, una delle loro figlie, Demetra, che poi incestuosamente sposò Zeus, passava tutto il suo tempo nel prendersi cura della terra, grazie anche allo splendore di Elios, dio del sole, che finalmen⋯
 ⋯ La vendetta di Tesla
84% IneditiSergio Parilli
Racconto fantastico, ambientato nel futuro, che racconta il mondo del passato e come la storia segue il suo corso – nonostante gli impedimenti che altri fattori involutivi si missero in moto per far prelavele un modello economico già noto come fallimentar⋯
⋯  ⋯L’Europa della governance
65% IneditiPoliticaSergio Parilli
Un aneddoto per arrivare a capire cosa sono oggi i partiti politici nell’Europa della governance. Lavoravo in una fabbrica per il trattamento metallurgico di ceneri aurifere e tra gli operai, tutti brutti e raccomandati, regnava il nepotismo quindi i lavo⋯
Don Quijote de La Mancha: ¿realidad o ficción?Don Chisciotte – Tra realtà e fantasia
52% Anna Maria TocchettoArticoliSergio Parilli
Un’opera quando è tale, non può essere di sola fantasia, sempre è striata di quel reale che passa negli interstizi di una realtà che occlude ogni accesso e tende comunque a separare ogni cosa. Eppure basta un attimo, un indizio, una sola fuoriuscita a sor⋯