Scambi e accumulazione di capitale
Il rivoluzionario, sia esso leninista o individualista, ha la forza incosciente dell’apprendista stregone, l’integrità priva di scrupoli del fanatico ossessionato da un Unico Bene sfavillante all’orizzonte. […] È bene capire che, adottando la mentalità neocon, si può anche godere di soddisfazioni intellettuali non irrilevanti. È dai tempi di Marx che non ci si imbatte in una concezione altrettanto radicale e sincera degli scambi e dell’accumulazione di capitale. Tale concezione, proprio come quella di Marx, permette di liberarsi di un bel po’ di spazzatura morale e giuridica. Lo dico senza ironia, perché concetti morali e figure giuridiche, o paragiuridiche, come «speculazione», «usura», «immotivato aumento dei prezzi», sono davvero spurie. Per lo più queste trovate da Robespierre in fase di disperazione servono a fare della demagogia, o del populismo. Arti nelle quali, quando ci confrontiamo con la spregiudicatezza neocon, non possiamo che risultare battuti.