Schiavi dalle norme
Molti hanno criticato la posizione di Jung, sotto il profilo che essa non presenta il materiale psichico in modo sistematico. Ma queste critiche trascurano il fatto che quel materiale è un’esperienza viva fermentata dall’emozione, per natura irrazionale e mutevole, che non si adatta se non superficialmente alle strettoie sistematiche.
La moderna psicologia del profondo ha, a questo punto, toccato gli stessi limiti che sbarrano la via alla microfisica.
Cioè, quando si ha a che fare con dati statistici, una descrizione razionale e sistematica è sempre possibile. Ma quando si cerca di descrivere un singolo evento psichico, non possiamo fare altro che presentarne una onesta raffigurazione dal maggior numero possibile di punti di vista.
Analogamente, gli scienziati devono ammettere di non sapere che cosa è la luce. Possono solo dire che, in certe condizioni sperimentali, essa sembra costituita da particelle, mentre in altre condizioni sembra composta da onde. Ma che cosa essa sia «in sé» è ignoto.
La psicologia dell’inconscio, e qualsiasi descrizione del processo di individuazione, incontrano analoghe difficoltà di definizione.

Crediti
 Carl Gustav Jung
 L'uomo e i suoi simboli
  Marie-Louise von Franz
 Pinterest •   • 




Quotes per Carl Gustav Jung

La psicoanalisi intesa come tecnica terapeutica consta essenzialmente di numerose analisi dei sogni, poiché i sogni portano successivamente a galla, nel corso del trattamento, i contenuti dell'inconscio per esporli alla forza disinfettante della luce del giorno, riscoprendo anche elementi importanti creduti perduti.

Come noi viviamo esternamente in un mondo dove in qualunque momento può sprofondare un continente, spostarsi un polo, scoppiare una nuova epidemia, così viviamo internamente in un mondo dove in qualunque momento può avvenire qualcosa di simile, in forma di idea, ma in maniera altrettanto pericolosa e malfida. Il non adattarsi a questo mondo interiore è un'omissione altrettanto gravida di conseguenze quanto l'ignoranza e l'incapacità del mondo esteriore.  L'io e l'inconscio

Gli individui che incontrano il maggior successo (e non solo con le donne) solitamente sono forti dentro e cortesi fuori. È un po' come per il pianoforte. Ricordo sempre quello che mi diceva la mia vecchia insegnante di pianoforte: per avere un buon tocco occorrono dita di acciaio in guanti di velluto... Forse anche nella vita è così.  Istinto e inconscio

Io m'inoltrai nella morte interiore e vidi che morire esternamente è meglio che morire dentro. E decisi di morire all'esterno e di vivere dentro. Perciò voltai le spalle per andare in cerca del luogo della vita interiore.

Ma che cos'è la passione, che cosa sono le emozioni? È lì la fonte del fuoco, è lì la pienezza dell'energia. Un uomo che non sia infiammato non è nulla: è ridicolo, è bidimensionale. Dev'essere infiammato anche se fa la figura dello stupido. Una fiamma deve bruciare da qualche parte, altrimenti non splende nessuna luce, non c'è calore, non c'è nulla.  La Psicologia del Kundalini Yoga