Schiavi delle richieste del corpo
L’umanità diventa sempre più intelligente, ma ci sono chiaramente più problemi e meno felicità quotidiana. Come può essere così? È perché l’intelligenza non è la stessa cosa della saggezza. Quando una società abusa dell’intelligenza parziale e ignora la saggezza olistica, la sua gente dimentica i benefici di una vita semplice e naturale. Sedotti dai loro desideri, emozioni ed ego, diventano schiavi delle richieste del corpo, dei lussi, del potere e della religione sbilanciati e colmi di scuse psicologiche. Allora il regno di calamità e di confusione incomincerà. Tuttavia, le persone superiori, durante i periodi di turbolenze possono risvegliare guidare gli altri fuori dal pantano. Ma come si può liberare uno dei tanti? Liberando per primo il suo essere. Non lo fa elevando se stesso, ma con la riduzione di se stesso. Si abbassa a ciò che è semplice, modesto, vero, integrandolo in se stesso, diventa un maestro di semplicità, di modestia, di verità. Completamente emancipato dalla sua precedente falsa vita, scopre che la sua natura originalmente pura, che è la pura natura dell’universo. Liberamente e spontaneamente liberando la sua energia divina, egli trascende continuamente situazioni complicate e attira tutto intorno a lui di nuovo in una unità integrale. Perché è una divinità vivente, quando agisce, agisce universalmente.

Crediti
 • Lao Tzu •
 • Hua Hu Ching •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
426% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
211% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
108% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
102% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
83% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
74% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯