Egon Schiele ⋯
È, fin dall’inizio, lo scontro con se stesso, specialmente nello specchio, come nemico, come altro, come irraggiungibile; è lo scontro con la separazione dello spettacolo.

Crediti
 • Enrico Ghezzi •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il combustibile della macchina
48% Schiele ArtVittorio Marchi
Il combustibile della macchina è la credulità di Adamo. Per arrestarla, basta girare la “chiave” che accende il suo motore. Smettere di consumare le sue risorse, quei beni che al 90% fanno male. I beni sono quelli imposti da “un potere occulto”, beni indi⋯
Egon Schiele ⋯ Portrait SonnenbaumDavanti allo specchio
44% Richard YatesSchiele Art
Uno di quei giorni, tornando in ufficio dopo pranzo, vide un volto di donna tirato e petulante – un volto di cui chiunque avrebbe detto che stava invecchiando senza grazia (rughe attorno agli occhi e profonde occhiaie; la bocca debole che denotava autocom⋯
Egon Schiele ⋯ Tentativo di diventare bravi
31% Nicoletta CinottiSchiele Art
Non è difficile ritrovarsi a passare da un estremo all’altro. Se siamo molto reattivi non è strano passare alla sopportazione. Oppure, viceversa, passare improvvisamente dalla sopportazione all’esplosione. Confusi e umiliati dalla nostra stessa rabbia e, ⋯
Egon Schiele ⋯ Noi siamo quel che facciamo
29% Leonardo SciasciaSchiele Art
Le intenzioni, specialmente se buone, e i rimorsi, specialmente se giusti, ognuno, dentro di sé, può giocarseli come vuole, fino alla disintegrazione, alla follia. Ma un fatto è un fatto: non ha contraddizioni, non ha ambiguità, non contiene il diverso e ⋯
Egon Schiele ⋯ Accumulazione dei prodotti separati
28% Guy DebordSchiele Art
Con la separazione generalizzata del lavoratore e del suo prodotto, si perde ogni punto di vista unitario sull’attività compiuta, come ogni comunicazione personale diretta fra i produttori. Seguendo il progresso dell’accumulazione dei prodotti separati, e⋯
Egon Schiele ⋯Standing Girl with a Transparent Dress Aggettivo unito a una cosa impossibile
28% Danilo KišSchiele Art
Tutto quello che mi restava nella coscienza era l’impressione di un incubo, tutto quello che potevo formulare in maniera sensata era una sola e unica parola: GRANDE, un aggettivo unito a una cosa impossibile, a un concetto che non si lasciava identificare⋯