Scrivere per non morire

Ogni volta che vi si presenti l’occasione di essere più tentati dalla vita che dallo scriverne, siate suicidali: il resto viene da sé.Aldo Busi

Scrivere per non morire, affidarsi alla sopravvivenza delle opere, è quanto lega l’artista al proprio compito. Il genio affronta la morte, l’opera è la morte resa vana o trasfigurata o, secondo le sfuggenti parole di Proust, resa meno amara, meno ingloriosa e forse meno probabile. Può essere. Non opporremo a questi sogni, tradizionalmente attribuiti ai creatori, la riflessione su quanto siano essi recenti, quanto siano legati, appartenendo al nostro Occidente, allo sviluppo di una concezione umanistica dell’arte, in cui l’uomo cerca di glorificare se stesso nelle proprie opere ed agire in esse, perpetuando la propria azione. Ciò è certamente importante e significativo. Ma l’arte, a questo punto, è solo una maniera memorabile di unirsi alla storia. I grandi personaggi storici, gli eroi, i grandi guerrieri, non meno degli artisti, si mettono così al riparo dalla morte; entrano nella memoria dei popoli; sono esempi, presenze attive. Ma questa forma di individualismo ben presto cessa d’essere soddisfacente. Ci si accorge che, se quello che importa, è soprattutto il lavoro della storia, l’azione nel mondo, lo sforzo comune per la verità, è vano voler restare se stessi al di là della scomparsa, desiderare di rimanere immobili e duraturi in un’opera che sovrasti il tempo: questo è vano ed inoltre contrario a ciò che si vuole. Ciò che occorre non è abitare l’eternità pigra degli idoli, ma mutare, scomparire per cooperare alla trasformazione universale: agire senza nome e non essere un puro nome ozioso. Allora i sogni di sopravvivenza delle creature appaiono non soltanto meschini ma sbagliati e qualsiasi vera azione, compiuta anonimamente nel mondo, per un avvento del mondo, sembra affermare sulla morte un trionfo più giusto, più sicuro, almeno libero dal miserabile rimpianto di non essere più se stessi.Maurice Blanchot


Crediti
 • Autori Vari •
  • Maurice Blanchot, Aldo Busi •
 • Pinterest • Trini Schultz  •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
301% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Impero, vent’anniImpero, vent’anni
264% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
91% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ Animalia
85% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
Giorno internazionale contro i crimini statunitensi contro lDichiarazione mondiale contro i crimini statunitensi contro l’umanità
61% Autori VariSocietà
NOI, I POPOLI E LE NAZIONI DEL MONDO, DICHIARIAMO: Che la civiltà, intesa come espressione plurale, diversificata e multiculturale che da riparo a tutte le manifestazioni umane, alla convivenza tra i popoli e fornisce il quadro naturale per il pieno svilu⋯
 ⋯ La geografia della mente
58% ArticoliAutori VariNeuroscienze
L’interesse dell’uomo per lo studio del cervello ha radici molto antiche. Un papiro egiziano che risale al diciassettesimo secolo, a.c. contiene, in geroglifici, la parola cervello in numerose ricorrenze; si sa, infatti, che gli antichi egizi operavano su⋯