Trini Schultz ⋯

Ogni volta che vi si presenti l’occasione di essere più tentati dalla vita che dallo scriverne, siate suicidali: il resto viene da sé.Aldo Busi

Scrivere per non morire, affidarsi alla sopravvivenza delle opere, è quanto lega l’artista al proprio compito. Il genio affronta la morte, l’opera è la morte resa vana o trasfigurata o, secondo le sfuggenti parole di Proust, resa “meno amara”, “meno ingloriosa” e “forse meno probabile”. Può essere. Non opporremo a questi sogni, tradizionalmente attribuiti ai creatori, la riflessione su quanto siano essi recenti, quanto siano legati, appartenendo al nostro Occidente, allo sviluppo di una concezione umanistica dell’arte, in cui l’uomo cerca di glorificare se stesso nelle proprie opere ed agire in esse, perpetuando la propria azione. Ciò è certamente importante e significativo. Ma l’arte, a questo punto, è solo una maniera memorabile di unirsi alla storia. I grandi personaggi storici, gli eroi, i grandi guerrieri, non meno degli artisti, si mettono così al riparo dalla morte; entrano nella memoria dei popoli; sono esempi, presenze attive. Ma questa forma di individualismo ben presto cessa d’essere soddisfacente. Ci si accorge che, se quello che importa, è soprattutto il lavoro della storia, l’azione nel mondo, lo sforzo comune per la verità, è vano voler restare se stessi al di là della scomparsa, desiderare di rimanere immobili e duraturi in un’opera che sovrasti il tempo: questo è vano ed inoltre contrario a ciò che si vuole. Ciò che occorre non è abitare l’eternità pigra degli idoli, ma mutare, scomparire per cooperare alla trasformazione universale: agire senza nome e non essere un puro nome ozioso. Allora i sogni di sopravvivenza delle creature appaiono non soltanto meschini ma sbagliati e qualsiasi vera azione, compiuta anonimamente nel mondo, per un avvento del mondo, sembra affermare sulla morte un trionfo più giusto, più sicuro, almeno libero dal miserabile rimpianto di non essere più se stessi.Maurice Blanchot


Crediti
 • Aldo Busi •
 • Maurice Blanchot •
 • Pinterest • Trini Schultz  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
54% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
42% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
38% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo “togliti la maschera!”, “quel tipo porta sempre una maschera”, “cosa c’è dietro la sua maschera?”. Il ter⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
37% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
 ⋯ Nudo di madre
32% Aldo BusiArticoli
 Io sono lo Scrittore, non sono un uomo. Se fossi un uomo sarei già Unabomber da un bel po’ e senza neppure uscire dall’ambito del focolare. Il vero oggetto (l’opera) e il vero soggetto ( lo Scrittore) della letteratura della modernità risiedono nell’auto⋯
 ⋯ Telefonino e la verità
24% LinguaggioUmberto Eco
Quando Zivago rivede dal tram Lara, non riesce a scendere in tempo e muore. Ma se avessero avuto un cellulare forse ci sarebbe stato un lieto fine. La scorsa Bustina ho accennato al libro di Maurizio Ferraris (Dove sei? Ontologia del telefonino, Bompiani)⋯