Iwata Nakayama ⋯ Eve
Quella sensazione di essere con le spalle al muro non si era dissolta. Esisteva solo il presente, sapevo che se avessi distolto lo sguardo dal presente mi avrebbe assalito la tristezza.
Eppure era proprio questa impossibilità di fuga a rendere quei giorni stranamente felici. Me ne ero resa conto già da sola. Anche se la situazione sembrava sconfortante, rispetto alla confusione e al dubbio in cui avevo vissuto fino a poco tempo prima, il mondo, sebbene attraversato da un’acuta tristezza, mi appariva più limpido.
“Per me la felicità è essere libero. È una sensazione di energia che mi cresce dentro e mi dà l’impressione di poter andare ovunque…” disse Nishiyama, guardando verso il cielo.

Crediti
 • Banana Yoshimoto •
 • Ricordi di un vicolo cieco •
 • Pinterest • Iwata Nakayama Eve • 1940 •

Similari
 ⋯ La fidanzata di Pasolini
43% Carmelo AlbaneseStorie
Chi vive a Roma e ha la mia età, quarantacinque anni, probabilmente se la ricorda. Vestiva sempre di nero. Accartocciata su se stessa, passava ore a preparare rose da vendere nei ristoranti. Perennemente seduta in questa sua attività sulle scale del Panth⋯
  ⋯ Ratto Alieno
43% Charles BukowskiFantascienza
Il Presidente degli Stati Uniti d’America entrò nell’auto, circondato dagli agenti. Prese posto sul sedile posteriore. Era una mattina anonima e scura. Nessuno parlò. Filarono via, e i pneumatici si fecero sentire sulla strada ancora bagnata dalla pioggia⋯
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
37% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
 ⋯ L’avvento delle radio private
36% AnonimoArticoliStorie
In Italia e non solo, il profondo malessere sociale accumulato negli anni ’60 per via di uno sviluppo economico tendente unicamente al consumismo e noncurante delle esigenze di quel protagonismo giovanile che iniziava ad emergere, sfociò in una forte onda⋯
 ⋯ Nani sulle spalle dei giganti
33% ArticoliStorieUmberto Eco
All’interno di un’appassionata apologia del pensiero antico, Bernardo di Chartres, a cui tale aforisma è originariamente attribuito, definisce i contemporanei, come coloro i quali, rispetto agli antichi, possono vedere più lontano, solo perché possono sol⋯
⋯ La solitudine dell’America Latina
30% BiografieGabriel García Márquez
Antonio Pigafetta, un navigatore fiorentino che accompagnò Magellano nel primo viaggio attorno al mondo, durante il suo passaggio attraverso la nostra America meridionale scrisse un resoconto rigoroso che tuttavia sembra un’avventura dell’immaginazione. R⋯