⋯ Egon Schiele ⋯
Perché essa fa seguito all’atto sessuale, perché si è tristi dopo una sbornia formidabile o un eccesso dionisiaco, perché le grandi gioie sono foriere di tristezza? Perché di tutto lo slancio consumato in questi eccessi restano solo il sentimento dell’irreparabile e il senso di perdita e di abbandono, contrassegnati da una fortissima intensità negativa. Si è tristi dopo i piaceri della carne perché, invece di provare il sentimento di un arricchimento, si avverte un senso di perdita. La tristezza insorge ogni volta che la vita si dissipa. La sua intensità eguaglia l’entità delle perdite subite.

Crediti
 • Emil Cioran •
 • Al culmine della disperazione •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
62% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Salto nel nulla
61% Emil CioranEstratti
Sento la vita scricchiolare in me per l’eccesso di interiorità, ma anche di squilibrio. È come un’esplosione incontrollabile, che può far saltare irrimediabilmente in aria anche te. All’estremo della vita senti che essa ti sfugge, che la soggettività è un⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Splayed FingersNon ho mai potuto far nulla di me
55% Fernando PessoaSchiele Art
Non c’è maggior tragedia che l’uguale intensità, nella stessa anima o nello stesso uomo, del sentimento intellettuale e del sentimento morale. Perché un uomo possa essere distintivamente e assolutamente morale, bisogna che sia un po’ stupido. Perché un uo⋯
 ⋯Ogni guadagno è una perdita
49% Emil CioranFrammenti
Tutto è possibile e niente lo è; tutto è permesso e niente. Qualsiasi direzione s’imbocchi non sarà migliore di un’altra. Realizzare qualcosa o niente, credere o no, è lo stesso, come lo è tacere o gridare. Si può trovare una giustificazione a ogni cosa, ⋯
Egon Schiele ⋯ Il vile dolore
43% Schiele ArtStefan Zweig
Sono passati ventiquattro anni da allora, eppure, quando penso a quel momento in cui, sferzata dalla sua ironia, stavo lì davanti a mille estranei, il sangue mi si gela nelle vene. E sento di nuovo con spavento che debole entità, miserabile e tormentata d⋯
Egon Schiele ⋯ Girl with UmbrellaIl sentimento è primigenia manifestazione
42% Schiele ArtVito Mancuso
Io sento che la vita ha un senso e che questo senso è il bene, intendendo per «bene» l’armonia delle relazioni attuando le quali la natura fiorisce e produce livelli di organizzazione sempre più complessi e sempre più Vitali. Lo sento a partire dal sentim⋯