Inés Bilbatúa
Grazie alla musica salvarsi ogni giorno di nuovo, tirarsi fuori da tutte le nefandezze e le cose disgustose, è questo il trucco, disse, ritrovare ogni giorno la salvezza grazie alla musica, ridiventare ogni giorno, di primo mattino, un vero essere umano che pensa e sente, mi capisce! disse. Ma sì, disse Reger, l’arte, anche se la malediciamo e se a volte ci sembra del tutto pleonastica, e se anche siamo costretti ad ammettere che essa in realtà non vale un accidente, se osserviamo, qui, i quadri di questi cosiddetti Antichi Maestri, che molto spesso, e com’è naturale sempre di più con il passare degli anni, ci sembrano senza senso e senza scopo, nient’altro che maldestri tentativi di piazzarsi artisticamente sulla faccia della terra, malgrado tutto non c’è nient’altro che salvi la gente della nostra fatta se non proprio quest’arte maledetta e dannata, e spesso funesta e disgustosa da far vomitare.

Crediti
 Thomas Bernhard
 Antichi maestri
 Pinterest • Francisco Goya Inés Bilbatúa • 




Quotes per Thomas Bernhard

Bisognerebbe prendere contromisure drastiche, perché non si mettano al mondo così tanti bambini. Tutti si lamentano che ce ne sono troppi, però poi si sovvenziona. Prima la gente fa i bambini e poi parla sempre delle preoccupazioni che procurano. Bisognerebbe tagliare le orecchie a tutti quelli che fanno dei figli.

Non è difficile cogliere un cosiddetto difetto psichico o fisico in un individuo, e fare di questo individuo, a causa del suo cosiddetto difetto psichico o fisico, il fulcro del divertimento dell'intera collettività di una simile comunità: dovunque siano riuniti degli esseri umani, sempre se ne trova uno che diventa lo zimbello di tutti, fonte inesauribile di risate di scherno, forti o sommesse che siano, possono essere anche risate estremamente subdole e quindi silenziosissime.  L'origine

Per rendere qualcosa comprensibile [...], solo l’esagerazione rende l’evidenza, anche il rischio di essere dichiarati folli non ci dà più noia, alla nostra età.

Osservare ogni cosa che fallisce, […] la saggezza della putrefazione.

Vorrei sempre essere altrove, dove non sono, nel luogo dal quale sono or ora fuggito. Solo nel tragitto tra il luogo che ho appena lasciato e quello dove sto andando io sono felice.