Senz'altro era quello
Era impossibile da immaginare, impossibile da non immaginare;
la sua azzurrezza, l’ombra che lasciava, che cadeva,
riempiva l’oscurità del proprio freddo,
il suo freddo che cadeva fuori da se stesso,
fuori da qualsiasi idea di sé descrivesse nel cadere;
un qualcosa, una minuzia,una macchia, un punto,
un punto in un punto, un abisso infinito di minuzia;
una canzone, ma meno di una canzone,
qualcosa che affoga in sé, qualcosa che va,
un’alluvione di suono, ma meno di un suono;
la sua fine, il suo vuoto, il suo tenero,
piccolo vuoto che colma la sua eco, e cade,
e si alza, inavvertito, e cade ancora, e così sempre,
e sempre perché, e solo perché, essendo stato, era…
Era l’inizio di una sedia; era il divano grigio;
era i muri, il giardino, la strada di ghiaia;
era il modo in cui i ruderi di luna le crollavano sulla chioma.
Era quello, ed era altro ancora;
era il vento che azzannava gli alberi;
era la congerie confusa di nubi, la bava di stelle sulla riva.
Era l’ora che pareva dire che se sapevi
in che punto esatto del tempo si era,
non avresti mai più chiesto nulla.
Era quello. Senz’altro era quello.
Era anche l’evento mai avvenuto – un momento tanto pieno
che quando se ne andò, come doveva,
nessun dolore riusciva a contenerlo.
Era la stanza che pareva la stessa dopo tanti anni.
Era quello. Era il cappello dimenticato da lei,
la penna che lei lasciò sul tavolo.
Era il sole sulla mia mano.
Era il caldo del sole.
Era come sedevo, come attendevo per ore, per giorni.
Era quello. Solo quello.

Crediti
 • Mark Strand •
 • Pinterest • Christoffer Relander  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il verme
95% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Rendiamo grazie per la nostra povertà, disse il tipo vestito di stracci. Lo vidi con quest’occhio: vagava per un paese di case piatte, fatte di cemento e mattoni, fra Messico e Stati Uniti. Rendiamo grazie per la nostra violenza, disse, anche se sterile c⋯
 ⋯ La voce sorella
36% Ahmad ShamluPoesie
Io non sono una storia che puoi raccontare, non sono una canzone che puoi cantare, non sono un suono che puoi udire, non sono neppure questo che puoi vedere né quello che puoi conoscere. Io sono una sofferenza che anche tu puoi provare, chiamami con un gr⋯
Egon Schiele ⋯ The wavesIl sogno è svanito per sempre!
32% García LorcaPoesieSchiele Art
Nella sera piovosa il mio cuore impara la tragedia autunnale che cade dagli alberi. Nella dolce tristezza del pomeriggio che muore le mie voci si spezzarono. Il sogno è svanito per sempre! Per sempre.Dio mio! Cade la neve sulla campagna deserta della mia ⋯
Tranquillo Cremona ⋯ Voi m’incalzate!
31% Johann Wolfgang GoethePoesie
Vi avvicinate ancora, ondeggianti figure apparse in gioventù allo sguardo offuscato. Tenterò questa volta di non farvi svanire? Sento ancora il mio cuore incline a quegli errori? Voi m’incalzate! E sia, vi lascerò salire accanto a me dal velo di nebbia e ⋯
 ⋯ Il sentimentalismo è un crimine
28% Evgenij Aleksandrovič EvtušenkoPoesie
Non t’amo più… È un finale banale. Banale come la vita, banale come la morte. Spezzerò la corda di questa crudele romanza, farò a pezzi la chitarra: ancora la commedia perché recitare! Al cucciolo soltanto, a questo mostriciattolo peloso, non è dato capir⋯
A Dio (Fermo posta)
26% PoesieVideoVittorio Gassman
Eri – come la “lettera smarrita” di Poe, nello spazio impensabile perché scontato. Eri – e sei, ora ho capito – fra le parole che ho tanto usato e osato. Sempre ci sei stato, eri lì ci sei ancora, e voglio decifrarti, stanarti, usando sì le parole ma in m⋯