Egon Schiele ⋯
In questa lunghissima storia la vita ha sviluppato una sequenza articolata di forme vitali tra loro gerarchicamente configurate. Le nomino in greco antico perché la tradizione occidentale deve a questa lingua di averle individuate con grande precisione già molti secoli fa:

  • la vita è anzitutto sôma, corpo fisico strutturato, composto a livello atomico principalmente di ossigeno, idrogeno, carbonio, elementi che da soli nell’organismo umano costituiscono il 93% della massa corporea;
  • la vita è bios, movimento del corpo vivente composto da unità chiamate cellule, comparse originariamente senza nucleo e dette procariote (gli attuali batteri) e poi giunte a essere dotate di nucleo e dette eucariote; grandi quantità di cellule eucariote formano gli organismi vegetali e animali, tra cui il corpo umano con una presenza stimata di 50 trilioni di cellule, suddivise in circa 200 tipi;
  • la vita è zoé, fenomeno zoologico o animale, con più di un milione di specie finora censite, metà delle quali insetti;
  • la vita è psyché, psiche, vita conscia e inconscia della mente, compresa la dimensione sentimentale, presente non solo nell’essere umano ma anche negli animali superiori e alcuni ritengono in ogni forma di vita, piante comprese;
  • la vita, nell’essere umano, giunge a manifestarsi come lôgos, cioè linguaggio, ragione, calcolo, capacità di elaborazione astratta;
  • la vita, sempre solo nell’essere umano, giunge infine a manifestarsi come noûs, libero intelletto detto anche spirito, cioè capacità di libertà, innovazione, creatività, ricerca di senso, da cui scaturiscono libere elaborazioni sotto forma di arte, musica, religione, filosofia; la libertà connessa alla vita in quanto noûs comporta anche capacità di fare e pensare il male, e da questa possibilità si origina la vita come etica e responsabilità.


Crediti
 • Vito Mancuso •
 • Questa vita •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
101% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Rievochiamo il passato per fermarlo
46% Michel FoucaultSchiele ArtSocietà
Il cinismo non è stato solo la forma di un richiamo insolente, grossolano e rudimentale alla questione della vita filosofica. Ha sollevato una questione molto seria, o piuttosto, ha dato il suo taglio al tema della vita filosofica ponendo la seguente doma⋯
Egon Schiele ⋯ Distanti ma uniti
42% Gustave ThibonSchiele Art
Definire la libertà come indipendenza nasconde un pericoloso equivoco. Non esiste per l’uomo indipendenza assoluta (un essere finito che non dipenda da nulla, sarebbe un essere separato da tutto, eliminato cioè dall’esistenza). Ma esiste una dipendenza mo⋯
Egon Schiele ⋯ Valorizza quello che puoi dare
42% AnonimoSchiele Art
Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose. Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto. Quanti come me ogni giorno muoiono senza a⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Peacock Vest StandingAutopsia puramente contemplativa
40% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Sostengo che la volontà di vita, essendo la cosa in sé, non è frazionata, ma è interamente presente in ogni essere individuale. Dunque la stessa cosa può trovarsi in più luoghi contemporaneamente? Sì, la cosa in sé lo può, poiché non è concepita nello spa⋯
Egon Schiele ⋯ Setting SunLe figure esistono solo per l’osservatore
39% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Quando le nubi viaggiano, non si curano delle figure che formano, non sono connaturate a esse: la loro natura, la loro essenza come corpi è di seguire l’urto del vento, le figure esistono solo per l’osservatore. Un torrente che precipita in basso sulle pi⋯