⋯ Tina Sgrò ⋯
Tutta la critica e tutta l’analisi letteraria consistono, essenzialmente a partire dal XIX secolo, in uno studio dell’opera per scoprire attraverso questa il volto dell’autore, le forme assunte dalla sua vita mentale e sentimentale, la sua individualità concreta e storica. Vi fu un’epoca nella quale leggere Madame Bovary significava capire chi fosse Flaubert. Ma quello che ha fatto valere, ancora prima dello strutturalismo, questo eccellente scrittore che è Maurice Blanchot, è il fatto che in realtà un’opera non è assolutamente la forma di espressione di un’individualità particolare. L’opera comporta sempre, per così dire, la morte dell’autore. Si scrive solo per scomparire nello stesso tempo. L’opera esiste in un certo senso in se stessa, come flusso nudo e anonimo del linguaggio, ed è questa esistenza anonima e neutra del linguaggio di cui adesso bisogna occuparsi. L’opera si compone di alcuni rapporti all’interno del linguaggio stesso. È una struttura particolare nel mondo del linguaggio, nel discorso e nella letteratura.

Crediti
 • Michel Foucault •
 • Pinterest • Tina Sgrò  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
102% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
62% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯
Trini Schultz ⋯ Scrivere per non morire
52% Autori VariLinguaggio
Ogni volta che vi si presenti l’occasione di essere più tentati dalla vita che dallo scriverne, siate suicidali: il resto viene da sé.Aldo Busi Scrivere per non morire, affidarsi alla sopravvivenza delle opere, è quanto lega l’artista al proprio compito. ⋯
 ⋯ Incontestabile potere di negazione
52% LinguaggioSara Mandozzi
C’è una violenza di fondo nel momento in cui lo scrittore, dopo aver accettato la propria spersonalizzazione, ridotto a nulla più che afona e anonima voce, si pone nudo, di fronte alla pagina nuda, decidendo di sacrificarsi. Secondo Blanchot, uno degli sc⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
49% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo togliti la maschera!, quel tipo porta sempre una maschera, cosa c’è dietro la sua maschera?. Il termine s⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
48% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯