⋯
Probabilmente non sei più chi sei stata
ed è giusto che così sia.
Hai raschiato a dovere la carta a vetro
e su noi ogni linea si assottiglia.
Pure qualcosa fu scritto sui fogli della nostra vita.
Metterli controluce è ingigantire quel segno,
formare un geroglifico più grande del diadema che ti abbagliava.
Non apparirai più dal portello dell’aliscafo o da fondali d’alghe,
sommozzatrice di fangose rapide per dare un senso al nulla.
Scenderai sulle scale automatiche dei templi di Mercurio
tra cadaveri in maschera, tu la sola vivente,
e non ti chiederai se fu inganno, fu scelta, fu comunicazione
e chi di noi fosse il centro a cui si tira con l’arco dal baraccone.
Non me lo chiedo neanch’io.
Sono colui che ha veduto un istante e tanto basta a chi cammina
incolonnato come ora avviene a noi se siamo ancora in vita
o era un inganno crederlo. Si slitta.

Crediti
 • Eugenio Montale •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯ Margaret Ulbrich ⋯Sono la maschera
38% Fernando PessoaPoesieSingoli
Ho posato la maschera e mi sono visto allo specchio Ero un bambino di tanti anni fa non ero cambiato per niente. È questo il vantaggio di sapersi togliere la maschera. Si è sempre il bambino, il passato che resta, il bambino. Ho posato la maschera, e me l⋯
Alastair MagnaldoAlle rive si affacciano gli scogli
30% Mario MeléndezPoesie
Io sono il bambino che gioca con la schiuma dei mari ormai incurabili Lungo questa spiaggia imbandierata di gabbiani stiro le mie braccia come reti lasche mentre le onde pizzicano i miei sogni e sola una lacrima si frange sulle rocce Alle rive si affaccia⋯
⋯ Oskar Kokoschka ⋯Io ti voglio, sono io
26% Pedro SalinasPoesie
Per vivere non voglio isole, palazzi, torri. Che grandissima allegria: vivere nei pronomi! Ora togliti i vestiti, i connotati, i ritratti; io non ti voglio così, travestita da altra, figlia sempre di qualcosa. Ti voglio pura, libera, irriducibile: tu. So ⋯
Egon Schiele ⋯ Self Seers II (Death and Man)Esser vasto e diverso
21% Eugenio MontalePoesieSchiele Art
Antico, sono ubriacato dalla voce ch’esce dalle tue bocche quando si schiudono come verdi campane e si ributtano indietro e si disciolgono. Come allora oggi in tua presenza impietro, mare, ma non più degno mi credo del solenne ammonimento del tuo respiro.⋯
Egon Schiele ⋯ Tremolio profondo
17% Akiko YosanoPoesieSchiele Art
Tu non vedi il mio amore che mi trema nel cuore come le alghe leggiere nell’oceano profondo
Egon Schiele ⋯ Tra le mosche
16% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Poeti troiani più nulla di quello che poteva essere vostro esiste Né templi né giardini né poesia Siate liberi ammirevoli poeti troiani