⋯
Io temo che stiamo perdendo la capacità del vivere la vita con passione, di assumerci la responsabilità di quello che siamo, la capacità di raggiungere dei risultati e di sentirci soddisfatti della vita. L’esistenzialismo viene spesso trattato come una filosofia della disperazione, ma io credo che sia esattamente l’opposto.
Sartre in un’intervista ha detto che non aveva mai vissuto un solo giorno di disperazione. Quello che viene fuori dalla lettura di questi filosofi, non è tanto un senso di angoscia nei confronti della vita, ma al contrario, una certa esaltazione nel sentirsi padroni della vita stessa. Siamo noi cioè, a crearci la nostra vita. […] Ogni volta che parli di una persona come di una costruzione sociale, o come di una convergenza di forze diverse, o come di un individuo frammentato oppure compatto, non fai altro che aprire le porte ad una marea di giustificazioni. Quando Sartre parla di responsabilità, non sta parlando di qualcosa di astratto, non sta parlando di quel genere di ‘io‘ o di ‘anima‘ di cui discuterebbero i teologi, ma di qualcosa di molto concreto. Come io e te che parliamo, prendiamo decisioni, facciamo cose e ne accettiamo le conseguenze.
È vero che al mondo siamo 6 miliardi di persone e stiamo aumentando. Ciò nonostante, quello che fai, fa la differenza. Fa la differenza innanzitutto in termini materiali, fa la differenza per le altre persone e crea un precedente. Insomma, io credo che da questo non dobbiamo mai chiamarci fuori, e pensare di essere vittime di una concomitanza di forze. Siamo sempre noi a decidere chi siamo.

Crediti
 • Richard Linklater •
 • Waking Life •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Place du Châtelet - LLo sconosciuto
85% CinemaJean-Luc Godard
. «Però sarebbe piacevole vivere senza parlare!» Ha letto i Tre moschettieri? Ho visto il film. Perché? Vede. La c’era Portos. Però non era nei Tre Moschettieri, era in Vent’anni dopo. Portos grande, forte, un po’ stupido. Non ha mai pensato in vita sua, ⋯
 ⋯ Kill Bill: oltre gli estremi
25% Anna Maria TocchettoArticoliCinema
La vendetta non è mai una linea retta; è una foresta nella quale bisogna sapere biforcare per mostrare l’indicibile. Queste parole sono del maestro Hattori Hanzo, uno dei personaggi del film Kill Bill, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Film che in r⋯
 ⋯ Straziami ma di baci sazziami
18% Anna Maria TocchettoCinemaGiancarlo Buonofiglio
La Recensione de Nuatri Io e Anna Maria ce semo visti il film Straziami ma di baci saziami. Stemo ancora ridenne e mo ve lo raccontemo. Anna è marchiggiana doc (o marchisciana) e io ce sto a provà, ché a me quella lingua me piace tanto. L’hai visto il fil⋯
 ⋯ Le cose
16% CinemaCormac McCarthy
   E in che cosa credi?    In un sacco di cose.    Va bene.    In che senso, va bene?    Va bene, quali cose?    Credo in certe cose.    Questo l’hai già detto.    Probabilmen⋯
Egon Schiele ⋯ The wavesCos’ha la morte che non va?
15% CinemaSchiele ArtTom Shadyac
‘ Di cosa abbiamo così mortalmente paura? Perché non trattare la morte con un po’ di umanità e dignità e decenza e, Dio non voglia, perfino di umorismo? Signori, il vero nemico non è la morte. Vogliamo combattere le malattie? Combattiamo la più terribile d⋯
 ⋯ Cosa cerchi Napoleone?
14% CinemaMarco Bellocchio
Ho incontrato Napoleone. Fuggiva dalla Russia e mi ha chiesto di cucirgli un bottone dei pantaloni. Era un bottone d’oro, per fortuna non lo aveva perduto. Mentre cucivo accanto al fuoco lui guardava lontano, fuori dalla finestra. Non so che cosa vedeva, ⋯