Moeder met twee kinderen

Dire non è sempre, né soltanto, parlare; o meglio, parlare non è soltanto significare, ma è anche, sempre, dettare, dictare, cioè conferire al dire il proprio tono, ossia il proprio stile (la sua tonalità, il suo colore, la sua andatura) e, al contempo, per questo o in questo, in questa operazione o in questa divisa del dire, recitarlo, recitarselo o lasciare che si reciti – si faccia sonoro, si de-clami e si es-clami, e citi se stesso (si metta in moto, si richiami… s’inciti), rinvii alla propria eco, e così dicendo, si dica… e, così facendo, si faccia.

Crediti
 Jean-luc Nancy
 All'ascolto
 SchieleArt •  Moeder met twee kinderen • 




Quotes per Jean-Luc Nancy

Non è sufficiente debellare un virus. Se la padronanza tecnica e politica risulta fine a sé stessa, trasformerà il mondo in un campo di forze sempre più tese le une contro le altre, sprovviste ormai di tutti gli alibi civilizzatori una volta validi. La brutalità contagiosa del virus si diffonde sotto forma di brutalità gestionale.  Un virus troppo umano

Improvvisare non significa suonare senza ripetizione, parlare senza preparazione, bensì prendere in carico la prima volta ogni volta, e in ogni luogo, in modo tale che ogni volta e in ogni luogo noi tocchiamo la prima volta.

Non c'è da stupirsi se qui genera più confusione che là dove è nato. Perché in Cina si era già sul piede di guerra, che si tratti di mercati o di malattie. In Europa vi era invece un certo disordine: tra le nazioni e tra le aspirazioni. Il risultato di tale disordine è stata l'indecisione, l'agitazione e un difficile adattamento.  Un virus troppo umano

Non lasciarsi ingannare è un imperativo che viene prima del sottrarsi al contagio

Il modello della crescita è messo in discussione. È possibile che siamo davvero costretti a spostare i nostri algoritmi – ma non ci sono prove che questo possa compiersi per lasciar emergere uno spirito diverso.