sistema della libertà
Il sistema è apparso a coloro che nei tempi moderni ne hanno sviluppato il concetto come sistema della libertà. Kant e Schelling lo esplicitano senza confusione possibile, così come Fichte ed Hegel. L’idea moderna del sistema è legata all’atteggiamento della filosofia critica che lo istituisce. Il sistema è sistema, non dell’Essere, ma del soggetto. […]. L’esigenza del sistema è l’esigenza architettonica di un pensiero che non è più visione che si adegua all’Essere, ma il pensiero riflessivo e critico delle rappresentazioni. […] L’esigenza del sistema deriva da un pensiero riflessivo che non riconosce più nessun criterio esterno di verità, ma solo quello della propria coerenza interna. Il sistema non è solo un discorso coerente, ma anche un discorso che si riflette in se stesso e che si comprende come discorso elaborato da un essere finito cui si pone il problema del proprio orientamento nel mondo e nel pensiero, nel discorso della realtà. Il sistema è sistema della libertà; il pensiero produce liberamente i propri pensieri, li organizza.

Crediti
 • Gilbert Kirscher •
 • Figures de la violence et de la modernité. Essais sur la philosophie d'Eric Weil •
 • SchieleArt • Hietzinger Hauptsra Egon Schiele with his collection of folkloristic objects •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
464% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ L’essenza dell’uomo è la sua finitezza
163% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
L’essenza dell’uomo è la sua finitezza e la coscienza di essa. La coscienza è sapere che tutto il finito finisce nel proprio finire, che il finire del finito è il suo essere da sempre finito, perché altro non può essere, se non «finito». Il suo essere, da⋯

 ⋯ La violenza nella storia
143% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯

Robert Doisnau ⋯ La chiacchiera come resistenza
112% ArticoliFilosofiaFrancesco Lamendola
Molte persone passano gran parte della loro vita sociale a parlare di cose insignificanti o, peggio, a sentenziare intorno a cose estremamente serie, ma senza alcuna serietà: così, solo per sentire il suono della propria voce e per essere confortate dal c⋯

 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
94% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯

 Jacques-Luis David Il grande professore di diritto pubblico
92% Loris ZuttionPercorsi
Napoleone Bonaparte ha avuto la sorte, non molto usuale per i protagonisti della storia, di trovare nel più grande filosofo del tempo, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, l’autorevolissimo interprete a livello ideologico, della sua azione pratica. Fin dai temp⋯