⋯ Alfred Cheney Johnston ⋯
Non si può comporre una poesia e dare spazio alla creatività, se si è troppo pieni di vita, se si è troppo gratificati dall’esistenza stessa: in questa condizione non abbiamo bisogno di fare e dire nulla. Non sto certo indicando nella privazione, nelle sole frustrazioni e perciò in una vita intollerabile, la situazione ideale per la creazione artistica; questo stereotipo romantico difficile da liquidare anche in tempi di edonismo strisciante, veste bene alcuni casi clamorosi (Leopardi, Van Gogh, Modigliani) ma è inutilizzabile in molti altri (il Goethe della maturità, lo stesso romantico Foscolo e tutti gli artisti accompagnati in vita dal successo, anche mondano, da D’Annunzio a Picasso). E’ innegabile che una sensibilità eccezionale può rendere un individuo più vulnerabile, e perciò più infelice, e può anche farne un artista, ma sono due effetti separati, l’operazione scorretta è fare del primo la causa del secondo. Questo non toglie che l’esperienza della solitudine rappresenti una condizione vitale – necessaria anche se non sufficiente – perché “scocchi la scintilla” dell’espressione artistica.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • Pinterest • Alfred Cheney Johnston  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
357% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Della solitudine come spazio di scrittura
199% ArticoliEdmond Jabès
L’aurora, diceva, è un gigantesco autodafé di libri: spettacolo grandioso di un sapere supremo sbalzato giù dal trono. Vergine, allora, è il mattino. La scrittura è l’espressione di questa solitudine? Si può dare scrittura senza solitudine, oppure, ancora⋯
Sapere di non essere
157% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
L’amore romantico
129% NeuroscienzeSemir Zeki
Il più delle volte l’amore romantico è scatenato da un segnale visivo, ma ciò non significa che siano esclusi altri fattori, come la voce, l’intelletto, il fascino oppure la condizione economica e quella sociale. Non desta perciò sorpresa che i primi stud⋯
Il suono di onde in uno specchio d’acqua
117% Eugenio BorgnaPsicologia
Così David Sylvian tratta la Nostalgia ed io a malapena avevo l’età della Ragione, nel senso che avevo ragione solo IO: figuriamoci quella del Giudizio!. Se tanto mi dà tanto, prima si Ragiona, poi si è Pratici ed infine si Giudica, Kantianamente parlando⋯