⋯ Alfred Cheney Johnston ⋯
Non si può comporre una poesia e dare spazio alla creatività, se si è troppo pieni di vita, se si è troppo gratificati dall’esistenza stessa: in questa condizione non abbiamo bisogno di fare e dire nulla. Non sto certo indicando nella privazione, nelle sole frustrazioni e perciò in una vita intollerabile, la situazione ideale per la creazione artistica; questo stereotipo romantico difficile da liquidare anche in tempi di edonismo strisciante, veste bene alcuni casi clamorosi (Leopardi, Van Gogh, Modigliani) ma è inutilizzabile in molti altri (il Goethe della maturità, lo stesso romantico Foscolo e tutti gli artisti accompagnati in vita dal successo, anche mondano, da D’Annunzio a Picasso). E’ innegabile che una sensibilità eccezionale può rendere un individuo più vulnerabile, e perciò più infelice, e può anche farne un artista, ma sono due effetti separati, l’operazione scorretta è fare del primo la causa del secondo. Questo non toglie che l’esperienza della solitudine rappresenti una condizione vitale – necessaria anche se non sufficiente – perché “scocchi la scintilla” dell’espressione artistica.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • Pinterest • Alfred Cheney Johnston  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
682% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
303% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Della solitudine come spazio di scrittura
273% ArticoliEdmond Jabès
. “L’aurora”, diceva, “è un gigantesco autodafé di libri: spettacolo grandioso di un sapere supremo sbalzato giù dal trono. Vergine, allora, è il mattino.” La scrittura è l’espressione di questa solitudine? Si può dare scrittura senza solitudine, oppure, ⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
201% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Età della vita, età delle cose
166% ArticoliFilosofiaRemo Bodei
Arriviamo impreparati alle diverse età della vita e spesso vi manchiamo d’esperienza nonostante gli anni. • • François de La Rochefoucauld • • • Generazioni • Se in una delle canoniche divisioni della vita umana – quella tripartita in giovinezza, maturità⋯