⋯  ⋯

Chi guarda questo quadro deve aver timore di disturbare il solenne silenzio con una parola espressa ad alta voce.


Crediti
 • Arnold Bocklin •
 • L'isola dei morti •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il timore di essere toccati
142% Elias CanettiSchiele Art
Nulla l’uomo teme di più che essere toccato dall’ignoto. Vogliamo vedere ciò che si protende dietro di noi: vogliamo conoscerlo o almeno classificarlo. Dovunque, l’uomo evita di essere toccato da ciò che gli è estraneo. Di notte o in qualsiasi tenebra il ⋯
⋯  ⋯I simboli della vanitas
83% Antonio Di CiacciaDisegni
In questo quadro, “Gli ambasciatori” dipinto da Hans Holbein il Giovane nel 1533 che si trova a Londra nella National Gallery, c’è un oggetto strano, sospeso, obliquo, come una specie di siluro davanti ai due nobili personaggi. Guardando il quadro, questa⋯
Egon Schiele ⋯ Portrait of Ida RoesslerLe parole sono buone
81% José SaramagoSchiele Art
Le parole sono buone. Le parole sono cattive. Le parole offendono. Le parole chiedono scusa. Le parole bruciano. Le parole accarezzano. Le parole sono date, scambiate, offerte, vendute e inventate. Le parole sono assenti. Alcune parole ci succhiano, non c⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
70% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Saint Sebastian - self-portraitLa voce libera dalla rappresentazione
48% LinguaggioMaurice BlanchotSchiele Art
La voce fa del poeta non più qualcuno che scriva dei versi secondo l’ordine del bello, ma qualcuno che sente e si consuma lui stesso nell’intelligenza d’una comunicazione immediata. La voce libera dalla parola annuncia una possibilità anteriore ad ogni di⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
43% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯